mercoledì 2 maggio 2012

PESCI E UCCELLI MORTI IN TUTTO IL MONDO

Ci sarà un giorno in cui gli uccelli cadranno dal cielo, gli animali che popolano i boschi moriranno, il mare diventerà nero e i fiumi scorreranno avvelenati. Quel giorno, uomini di ogni razza si uniranno come guerrieri dell’arcobaleno per lottare contro la distruzione della Terra“. Profezia Hopi





Oltre 1200 pellicani sono stati rinvenuti senza vita, per cause ancora misteriose, lungo le spiagge del nord del Peru’. Lo hanno reso noto i media locali, precisando che secondo Francisco Niquen, presidente dell’Associazione pescatori artigianali di Puerto Eten, ”ci sarebbero ancora molti pellicani agonizzanti”e quindi il bilancio sarebbe ancora provvisorio. Sullo stesso litorale, come sottolineato dall’ambientalista Heinz Plengue, tra gennaio ed aprile scorso, sono stati trovati morti 877 delfini. Secondo il ministero dell’Ambiente all’origine dei decessi dei cetacei sarebbe un virus, ma secondo alcune organizzazioni ambientaliste i cetacei morti sarebbero circa tremila, vittime delle esplorazioni delle compagnie petrolifere secondo alcuni. Fino ad ora quella del virus e’ l’ipotesi piu’ accreditata,ma non ancora comprovata da analisi. Misteriose morti in massa di delfini sono state registrate anche lungo le coste degli Stati Uniti e Messico Nuova Zelanda.


Qualcosa di strano sta accadendo nel mondo. In primo luogo le autorità hanno affermato che era il freddo che stava uccidendo gli uccelli ed i pesci, ma ora sta accadendo in tutto il mondo, in troppi luoghi caldi. Quindi non è il freddo che uccide tali animali.

E’ possibile che il mondo intero improvvisamente sia diventato velenoso? Cosa sta accadendo? 
Davvero nessuno lo sa ancora ma ognuno specula e fabbrica le proprie teorie. Qualcuno si è versino avventurato nel mondo delle favole spiegando che  gli uccelli sono morti perché sono stati terrorizzati dai fuochi di artificio che sono stati utilizzati il 1 ° gennaio 2011, ma per quanto riguarda il pesce? E perché non è accaduto negli anni precedenti, perché quest’anno non è sicuramente il primo anno in cui la gente usa i fuochi d’artificio.


è un evento di routine e non accade tutti i giorni. Alcuni di questi eventi sono accaduti un paio di mesi fa, mentre la maggior parte di questi casi stanno accadendo proprio ora, ma nondimeno il più vecchi fra questi eventi potrebbe darci qualche indizio su cosa stia causando questo strano evento mondiale.
Di questi giorni sono le notizie di circa 30.000 pesci morti rinvenuti lungo un fiume in Ohio di cui ancora ignote le cause e dei 1200 Pellicani trovati morti lungo la costa nord del Peru’ dove tra gennaio ed aprile sono stati anche rinvenuti i cadaveri di 877 delfini.
Bolognesi del WWF parlando del caso della moria di uccelli a Faenza ipotizza addirittura che la colpa possa essere dell’aviaria, e l’ha ribadito in un intervista al TG della RAI (vedi anche screenshot qui sotto tratto da un articolo de La Stampa).
L’aviaria sarà la causa anche delle contemporanee morie di pesci? Suvvia! E tale epidemia si sarebbe diffusa ad un velocità così forsennata da fare il giro del mondo in così poco tempo? Siamo seri!
E pensate voi che degli uccelli ammalati a causa di un’infezione gravissima che li sta debilitando, invece di rintanarsi ed accucciarsi in qualche  luogo riparato si mettano in punto di morte a volare tutti assieme per poi cadere giù stecchiti sulle nostre strade?
E che ne dite del fatto che i cadaveri degli uccelli morti non mostrano i tipici segni dell’aviaria, ma degli strane colorazioni blu nel becco. L’articolo summenzionato di Geapress afferma infatti che:
All’interno del becco, in alcuni degli animali, la colorazione era di uno strano blu.
Cosa può averlo causato? (…) Nessuno, però, si vuole pronunciare e per le analisi potrebbe passare una settimana. Possibile che le Tortore siano morte di … mal di pancia? Così qualcuno avrebbe sostenuto (vedi articolo GeaPress). In linea generale il blu è segno di ipossia, causata ad esempio da un soffocamento. La colorazione bluastra, però, è anche tipica del cianuro di potassio, un potente veleno utilizzato, ad esempio, dai pescatori di frodo. Il cianuro, però, causa anche ipossia, …. magari una tortora con il mal di pancia muore anche soffocata. Un altro veleno azzurrognolo compare in alcuni tipi di grani topicidi. Certo che a credere che le Tortore siano morte soffocate, viene un po’ difficile. E perché solo loro? Nel luogo ci sono solo loro, ma i piccioni che in altri luoghi mangiano  verosimilmente le stesse sementi che coincidono essere accatastate in alcune industrie di Faenza? Loro non muoiono soffocate?
Vi sembra il caso che conoscendo questi fatti un esponente del WWF allarmi la popolazione tirando in ballo anche l’aviaria? Ma forse conoscendo bene il WWF possiamo pensare che qualcuno stia cercando di diffondere i soliti allarmismi ingiustificati per promuovere tossici quanto inutili vaccini.

Osservando il cielo con attenzione si vede benissimo come tante volte delle giornate di sole azzurro vengono trasformate in uggiose giornate di cielo biancastro ad opera di squadracce di aerei con bianca scia persistente al seguito. Che questo non sia normale traffico aereo civile dovrebbe essere evidente a chiunque abbia la costanza di osservare il cielo ogni 15 minuti  per due o tre settimane di fila, ma purtroppo non sono molte le persone che hanno il coraggio di dedicarsi ad un’osservazione che potrebbe sconvolgere il loro assetto psicologico.
Con questo non intendiamo semplicisticamente affermare che le scie chimiche oppure HAARP siano la causa di queste morie, ma che le tecnologie messe in opera per spruzzare veleni sopra tutto il globo terracqueo e per modificarne il clima possono ben essere utilizzate per causare intenzionalmente tali stragi di animali. Che poi questo avvenga per una prova, per un esperimento letale, perchè i veleni, le nanoparticelle, i metalli pesanti spruzzati con le scie chimiche si sono accumulati oltremisura, perché i sistemi di emissione di onde elettromagnetiche del sistema HAARP (e dei suoi simili in tutto il mondo) sono stati spinti al massimo per finalità a noi ignote, poco importa.
Le reali finalità di tutta questa orrenda operazione le conoscono solo alcuni dei suoi ideatori, noi possiamo solo cercare di indovinarle, ma qualunque esse siano non si può fare a meno di comprendere la demoniaca malvagità delle stesse.





Nessun commento:

Posta un commento