giovedì 2 agosto 2012

FORNERO:MI CONTESTANO PERCHE' SONO UNA DONNA


Fornero contestata fa la vittima: mi attaccano perché sono donna
Lo sfogo di Elsa:  "Quando Mario Monti mi chiamò per fare il ministro, non avevo previsto la cattiveria". Poi si ferma a parlare con due operai: "Sono convinta un po' delle nostre ragioni"

Alle contestazioni dovrebbe esserci abituata. Ieri non è stata la prima volta che il ministro del Welfar, Elsa Fornero, è stata presa a maleparole. Anche a ragione: gli esodati, la riforma del lavoro e quella delle pensioni. Ma lei a tutto questo non pensa: crede che i contestatori ce l'abbiano con lei solo perché è donna. Sì, ne fa una questione di sessismo. L'ha detto senza giri di parole sul palco del Mix Fest dopo che un centinaio di persone al suo ingresso nella chiesa sconsacrata di Cortona gli hanno gridato "mascalzona", "vergogna". "Non avevo prefigurato questa situazione così difficile, anche psicologicamente, quando Mario Monti mi chiamò per fare il ministro. Non avevo previsto la cattiveria", si sfoga Elsa Fornero. "Mi dicono che queste sono le regole, ma perchè non cambiarle? E poi mi chiedo se forse tutte queste critiche derivano dal fatto di essere un ministro donna".
fonte link

POVERA DEFICIENTE 

5 commenti:

  1. precisiamo: 'una donna' incompetente, disonesta e spietata.....

    RispondiElimina
  2. come dicevo sotto il post è solo una POVERA DEFICIENTE come ministro ,ha fatto molti danni

    RispondiElimina
  3. comodo rifugiarsi dietro a questa cantilena che fa tanto politically correct come se le critiche mosse non avessero motivazioni più che fondate.
    Ma pensate pure all'ipocrisia di sta banchiera "non avevo previsto la cattiveria", sì la sua di cattiveria

    RispondiElimina
  4. si infatti,è una strategia per sviare le vere cause della contestazione

    RispondiElimina
  5. il suo animo è nero come il suo nome

    RispondiElimina