martedì 25 settembre 2012

MEDITAZIONE DI MASSA

Articolo di Gregg Braden.


Studi recenti relativi agli effetti delle preghiere di massa offrono una nuova credibilità alle antiche proposte che suggeriscono chenoi siamo in grado di “fare qualcosa” in merito a tali orrori del nostro mondo, sia presenti che futuri. Essi evidenziano ulteriormente che delle preghiere focalizzate, specie quelle offerte su larga scala, hanno un effetto prevedibile e misurabile sulla qualità di vita durante il tempo della preghiera.

Durante le preghiere, in effetti, le statistiche si abbassano. Quando poi le preghiere cessano, le statistiche ritornano ai livelli precedenti. Gli scienziati sospettano che la relazione tra preghiera di massa e l’attività di individui in comunità è dovuta a un fenomeno noto come l’effetto campo di coscienza.

Studi dell’effetto campo condussero a esperimenti che coinvolsero meditazione e preghiera di massa durante la guerra tra Israeliani e Libanesi agli inizi degli anni 80. Nel Settembre 1983 vennero condotti a Gerusalemme degli studi per esplorare la relazione tra preghiera, meditazione e violenza. Applicando nuove tecnologie per testare un’antica teoria, degli individui esperti nelle tecniche della Meditazione Trascendentale (TM), considerata dai ricercatori della preghiera un tipo di preghiera, vennero posizionati in luoghi strategici dentro Gerusalemme durante il conflitto con il Libano. Lo scopo dello studio era quello di determinare se una riduzione dello stress nel campo localizzato di coscienza si rifletterebbe davvero nel senso di una minore violenza e aggressione su base regionale.




Gli studi di Gerusalemme indicano che il numero di persone necessarie per iniziare questo cambiamento può essere pure più piccolo! I risultati dimostrano che i primi effetti della preghiera/meditazione di massa divennero evidenti quando il numero delle persone che partecipavano all’esperimento era più grande della radice quadrata dell’uno per cento della popolazione. In una città di un milione di persone, per esempio, questo valore rappresenta solo cento individui!

L’applicare i risultati di questi esperimenti localizzati a una popolazione più grande su scala globale conduce a risultati grandi e forse inaspettati. Rappresentando solo una frazione di stime precedenti, la radice quadrata di uno per cento della popolazione mondiale è meno di ottomila persone ! E’ chiaro che questo numero rappresenta solo il minimo richiesto per superare la soglia. Tanto più grande è il numero di persone che partecipa, tanto più l’effetto viene infatti accelerato.

Questi numeri ci ricordano le antiche ammonizioni secondo le quali poche persone possono fare la differenza per il mondo intero.

Forse questo è il “seme di senape” di antiche parabole usate per offrire speranza in circostanze apparentemente di sopraffazione. Essendo evidente questo potenziale, perché non pensare di dirigere un così forte potere collettivo verso le grandi sfide dei nostri tempi ?!…


Copyright Gregg Braden
Articolo inviato alla News-letter Primavera Estate 2004 del sito www.greggbraden.com
Traduzione a cura di www.eoslailai.com

Tratto dal sito: www.stazioneceleste.it



Concludiamo la traduzione e passiamo ad alcune riflessioni. Tutta l’umanitàèchiamata oggi, in questo delicato periodo di transizione, ad esprimere in maniera coesa e coerente la propria unità spirituale. Mai nella storia dell’umanità si sono avute conoscenze tali da offrire ad ognuno il potere di indirizzare il proprio destino e quello dell’umanità verso la timeline desiderata. E mai nella storia recente c’è stata necessità più urgente di quella rilevabile oggi. Crediamo che questa pratica vada considerata come una concreta possibilità di instillare nella coscienza collettiva un frammento del nostro anelito di pace, libertà, purificazione, gioia e amore, e un modo di rivendicare finalmente la nostra divina sovranità.
http://hearthaware.wordpress.com/2012/07/20/prove-scientifiche-delle-meditazioni-di-massa/

Versione italiana: Hearthaware blog

Nessun commento:

Posta un commento