martedì 2 ottobre 2012

LA PROVA DEL GOLPE



"Se voi non sostenete il governo Monti, noi non compriamo i vostri titoli per due mesi e andate in fallimento".

Il voi è riferito all'Italia, il noi agli ispettori della Banca Centrale Europea. A raccontare questo presunto ricatto da parte della Troika è il senatore della Lega Nord, Massimo Garavaglia.

L'esponente del Carroccio, vicepresidente della Commissione Bilancio del Senato durante l'ultimo governo Berlusconi, fa questa rivelazione in un convegno a S. Ambrogio, in provincia di Torino, il 21 settembre 2012. Tracciando l'excursus che ha portato all'insediamento dell'attuale esecutivo, il senatore spiega che "Monti viene fatto senatore a vita il 9 di novembre (del 2011, ndr). Il 10 siamo in Commissione Bilancio a chiudere la finanziaria e quello stesso giorno vengono a interrogarci gli ispettori della Bce e di Bruxelles perché eravamo sotto inchiesta".Poi, succede che (almeno stando al racconto del leghista) alla fine i commissari di Bruxelles rivolgono questa domanda alla commissione: "Ma voi sosterrete il governo Monti?". La risposta del parlamentare è tra l'incredulo e lo sbigottito: "Mi g’ha disi (tr. io gli ho detto): ma, vedremo, c’è un governo in carica, se cade vedremo chi verrà nominato e decideremo".

"No, no, no, verrà fatto il governo Monti. Voi lo sosterrete?", avrebbero obiettato gli uomini della Troika. Al che Garavaglia dice di aver risposto: "No, non funziona così. Noi siamo stati eletti in una maggioranza, se la maggioranza non sta più in piedi si va e si vota e il popolo decide chi governa”.

Ragionamento che non farebbe una piega. Solo che, e qui arriva il potenziale ricatto, i commissari della Bce avrebbero ribattuto: "No, no, no. Non ci siam capiti.

Se voi non sostenete il governo Monti, noi non compriamo i vostri titoli per due mesi, e voi andate in fallimento”.

Tutto questo, secondo la videotestimonianza di Garavaglia è successo il 10 novembre scorso. L'indomani viene chiusa la finanziaria al Senato, poi va alla Camera e lunedì 13 novembre viene incaricato Monti che diventa premier martedì.

Da qui, la deduzione del senatore, secondo cui il "discorsetto, che è stato fatto a noi, evidentemente è stato fatto anche ai leader politici, noi eravamo solo interrogati in quanto tecnici della materia e tant’è che all’inizio anche Di Pietro era in sostegno a Monti perché ci aveva creduto anche lui a questo ricatto dello spread, e così è andata…".

Insomma, l'accusa lanciata da Garavaglia è quella che più volte ha animato il dibattito e l'insediamento dell'esecutivo Monti: il golpe economico-finanziario operato dalla troika. Nel racconto di Garavaglia le date della visita degli ispettori della Ue e della Bce coincidono. Coincidono meno le dichiarazioni su Di Pietro, almeno stando alle affermazioni ufficiali che lo stesso leader Idv rilasciò in quei giorni. "Non voteremo la fiducia al buio al governo Monti"; "Vaglieremo legge per legge, provvedimento per provvedimento".


fonte link

Per chi ancora avesse dubbi sappiamo come è andata sappiamo come andra'
un Golpe economico finanziario appoggiato da Berlusconi e Bersani
Berlusconi si dimette facendo mancare la maggioranza con
la scenetta della Carlucci che tradisce e fa mancare i numeri
Bersani che poverino si sacrifica per il bene dell'Italia

ma la verita' non viene detta
L'informazione tutta è un agglomerato di bugie
la verità è che siamo presi per le palle da una parte
e presi per il culo dall'altra
dentro all'euro non c'è futuro per l'Italia

e questa banda di ladri che ci governa
preferisce mantenere lo status quo
per paura di perdere privilegi 

Fiorito è la norma
quando lo stesso presidente Napolitano
compra biglietti aerei low cost e si fa rimborsare voli di linea
che cosa pretendi da resto della banda

e come andra?
andra' come adesso.tutta una ammucchiata ai piedi di Monti
o del delfino di Monti il Passera
la commedia tragicomica continua


Ivano Antar Raja










Nessun commento:

Posta un commento