martedì 2 aprile 2013

Fijo mio - (Franco Califano)



"fijo mio vie' qua,
sta a senti' a papa',
consideranno che
t'ho messo ar monno io,
io te devo di'
qualunque verita',
tu vivrai, senza sbaja'
noi parlamo a te
come a 'n omo ormai,
nun sara' giusto
ma le cose che saprai
nun so favole
co' le fatine blu,
fijo mio, io la vita
te la insegno a modo mio
perche' tu,
nun te devi perde.
credi a dio se voi,
prega si te va,
ma si te dice male
allora lascia sta',
le preghiere
nun t'aiutano a campa',
credi a te, sortanto a te.
tante fesserie
nun te servono;
e nun ce chiede
de pinocchio perche' mai
te diremo ch'e'
vissuto tempo fa,
sai perche'?
perche' questa nun sarebbe verita'
come po' un pupazzo piagne
tu nelle vene
c'hai lo stesso sangue mio,
sei mi' fijo ma
si te mancassi io,
da chi vai?
da pinocchio 'n po'
d'aiuto nun l'avrai.
solo te, te poi da' 'na mano"

Nessun commento:

Posta un commento