giovedì 2 maggio 2013

PAOLO BECCHI “Non lamentiamoci se la gente prende i fucili”


«Se qualcuno tra qualche mese prende i fucili non lamentiamoci, abbiamo messo un altro banchiere all’economia». Così Paolo Becchi, professore all’Università di Genova vicino al M5S, alla Zanzara su Radio 24. «Non so quanto il movimento possa frenare la violenza della gente, che è nella natura delle cose», aggiunge.  

«La situazione se non migliora peggiora - dice Becchi - e non so quanto la gente possa resistere, non so quanto il Movimento possa frenare la violenza della gente, che è nella natura delle cose». «Letta che va dalla Merkel - prosegue Becchi - è un segnale chiaro. Unica cosa fondamentale è l’Europa e la Bce. Siamo governati ancora dalla Merkel con le banche e i banchieri come l’attuale ministro dell’Economia. Se qualcuno tra qualche mese prende i fucili non lamentiamoci, abbiamo messo un altro banchiere all’economia».  

sull’attentato  davanti a palazzo Chigi,
Becchi afferma - aggiunge - che la sparatoria abbia fatto comodo al “sovversivo” Letta perché avrebbe ricompattato il Pd e dato così al nuovo esecutivo una maggioranza solida.

Nessun commento:

Posta un commento