sabato 1 giugno 2013

IL FIGLIO DI GUGLIELMO TELL



Sun't el fiöö del Guglielmo Tell, che l'era un gran òmm,
però de me, i geent, i se regòrden gnanca el nòmm
e pensà che sèri me, quel fiöö cun la poma in söe la cràpa
e pudèvi mea tremà e pregàvi..."Sperèmm che la ciàpa!"
E i geent i me vardàven tücc, i me vardàven giò de la finestra
i öcc i me puntàven tücc, ma me vardàvi la balestra...

"Dài papà, dài papà...Proviamo almeno con l'anguria..."
"Non dubitar di me figlio mio, lo sai che divento una furia!"
"Dài papà, dài papà...Proviamo almeno col melone..."
"Non si può figlio mio, tu lo sai...e poi non è neanche la stagione..."
"Dài papà, dài papà...Proviamo almeno col pompelmo..."
"Non temere figliolo, tuo papà si chiama Guglielmo!"

Però l'è mea pö taant bèll...vèss fiöö del Guglielmo Tell
perché me de quèla volta sun in giir cun là el patèll
e sun cunteent per el mè pà, che l'han fatto eroe
nazionale ma da allora se vedo una mela comincio a stare male...ma male...

El papà l'era giò in fuund, l'era giò ch'el ciapàva la mira 
e me südavi frècc perché tra l'altro segütava e segütava a beev giò bìra...
"Desmètela de beev, papà, se no te ghe vedet dùppi"
"Niente paura figliolo, maal che vada...te cùpi!..."
Ecco lo sento, lo sento...adesso scocca!
"Chi è quel pirla che ha parlato? Come
sarebbe a dire:
Proviamo con l'albicocca?-"

Perché l'è mea pö taant bèll...vèss fiöö del Guglielmo Tell
perché me de quèla volta sun in giir cun là el patèll
e sun cunteent per el mè pà, che l'han fatto eroe nazionale
ma da allora se vedo una mela comincio a stare male...ma male...

Sun't el fiöö del Guglielmo Tell
sun't el fiöö del Guglielmo Tell che s'è mea sbassàa a salüdà un capèll...


Sono figlio di Guglielmo Tell, che era un grande uomo
però di me, le persone, non si ricordono neanche il nome…
E pensare che ero io quel bambino con la mela sulla testa
e non potevo tremare e pregavo…"speriamo che la prenda!"
e la gente mi guardava, mi guardavano tutti dalla finestra
tutti gli occhi mi puntavano, ma io guardavo la balestra

"Dai papà, dai papà…Proviamo almeno con l'anguria"
"Non dubitar di me figlio mio, lo sai che divento una furia !"
"Dai papà, dai papà…Proviamo almeno col melone"
"Non si può figlio mio, tu lo sai…e poi non è neanche la stagione"
"Dai papà, dai papà…Proviamo almeno col pompelmo"
"Non temere figliolo, tuo papà si chiama Guglielmo !"

Però non è poi così tanto bello essere figlio di Guglielmo Tell
perché io da quella volta sono in giro con il patello
e son contento per mio padre, che l'hanno fatto eroe nazionale 
ma da allora se vedo una mela comincio a stare male…ma male…

Il papà era giù in fondo, era giù che prendeva la mira
e io sudavo freddo perché tra l'altro continuava a bere birra…
"Smettila di bere, papà, se no ci vedi doppio"
"Niente paura figliolo, male che vada…ti uccido!"
Ecco lo sento, lo sento…adesso scocca !
"Chi è quel pirla che ha parlato?
come sarebbe a dire:
"Proviamo con l'albicocca ?"

Però non è poi così tanto bello essere figlio di Guglielmo Tell
perché io da quella volta sono in giro con il patello
e son contento per mio padre, che l'hanno fatto eroe nazionale
ma da allora se vedo una mela comincio a stare male…ma male…

Sono il figlio di Guglielmo Tell
che non si è abbassato a salutare un capello…

Nessun commento:

Posta un commento