sabato 1 giugno 2013

MI CHIAMO GENESIO E HO FATTO UN PO' DI TUTTO...



Se ciàmi Genèsio e ho faa un pöë de tütt
puèta, spazzèn, astronauta e magütt
ho pirlàa per el muund fino all'ultimo chilometro
innànz e indree cumè el mercurio nel termometro

Sun naa in söe la löena dumà cun't i öcc
ho sparaa cuntra el teemp e ho desfàa i urelòcc
ho pregaa mìla voolt senza nà giò in genöcc
ho giraa cun't el smoking e a pee biùtt piee de piöcc...

M'è tucaa impara' che la röeda la gira
che ogni taant se stravàcca el büceer de la bìra
tra furtöena e scarogna gh'è una corda che tira
quaand el diàvul el pica el ciàpa la mira...

Sun staa l'incüdin e quai volta el martèll
ho dato retta al cuore e quai volta a l'üsèll
e nel böcc de la chitàra ho scundüü questa vita
sia i pàgin in rùss che quii scrivüü a matita...

El curtèll in una man e nell'oltra un màzz de fiuu
perchè l'amuur e la moort i henn sempru lè scundüü
ogni dè nàvi via cun un basèn o una pesciàda
cul destèn de dree di spàll per mulàmm 'na bastunàda...

E de ogni mia dona se regòrdi el surìis
anca se cun nissöena sun rüvaa ai benìis
tanti donn che in sacòcia gh'eren scià el paradiis
insèma al rusètt hann lassàa i cicatriis...

Scapàvi e inseguìvi senza mai ciapà fiaa
curiàndul nel veent... fiuu senza praa
una trottùla mata sempru in giir senza sosta
un boomerang ciùcch senza mài una risposta...

Zìngher e sciuur sempru söel mè binàri  
suta un'alba e un tramuunt püssèe rùss del Campàri
ma i ricordi i hènn smagg e me spècia el dumàn
el me spècia incazzàa cun scià i buumb a màn

Sigarètt senza nomm e büceer senza storia
hann faa i ghirigori nella mia strana memoria
tatüagg invisìbil che me càgnen de nòcc
e una vita tiràda cumè un nastru de scotch...

La mia ciciaràda làssa el teemp che la tröeva
vardi el cieel de nuvembra cun la sua löena nöeva
sun el Genèsio e questu l'è tütt...
cun qualsiasi vestii, suta ... sun biùtt...


Mi chiamo Genesio e ho fatto un po’ di tutto
poeta, spazzino, astonauta e muratore
ho girato per il mondo fino all'ultimo chilometro
avanti e indietro come il mercurio nel termometro

Sono andato sulla luna solo con gli occhi
ho sparato contro il tempo e ho disfatto gli orologi
ho pregato mille volte senza andare giù in ginocchio
ho girato con lo smoking e a piedi nudi pieno di pidocchi

ho dovuto imparare che la ruota gira
che ogni tanto si rovescia il bicchiere della birra
tra fortuna e sfortuna c'è una corda che tira
quando il diavolo picchia prende la mira...

Sono stato l'incudine e qualche volta il martello
ho dato retta al cuore e qualche volta all'uccello
e nel buco della chitarra ho nascosto questa vita
sia le pagine in rosso che quelle scritte e matita...

Il coltello in una mano e nell'altra un mazzo di fiori
perchè l'amore e la morte sono sempre lì nascosti
ogni giorno andavo via con un bacio o una pedata
con il destino dietro alle spalle per mollarmi una bastonata

E di ogni mia donna mi ricordo il sorriso
anche se con nessuna sono arrivato ai confetti
tante donne che in tasca avevano il paradiso
al rossetto hanno lasciato le cicatrici...

Scappavo e inseguivo senza mai prendere fiato
coriandolo nel vento... e fiore senza prato
una trottola matta sempre in giro senza sosta
un boomerang ubriaco senza mai una risposta...  

Zingari e signori sempre sul mio binario
sotto un'alba e un tramonto più rossi del Campari
ma i ricordi sono macchie e mi aspetta il domani
mi aspetta incazzato con lì le bombe a mano

Sigarette senza nome e bicchieri senza storia
hanno fatto i ghirigori nella mia strana memoria
tatuaggi invisibili che mi mordono di notte
e una vita tirata come un nastro di scotch...

La mia chiacchierata lascia il tempo che trova
guardo il cielo di novembre con la sua luna nuova
sono il Genesio e questo è tutto...
con qualsiasi vestito, sotto... sono nudo...

Nessun commento:

Posta un commento