venerdì 19 luglio 2013

DECIDERE DI TORNARE A CASA

Dopo molte, molte, molte nascite nel mondo materiale, e molte, molte vite frustrate di sofferenza, una persona intelligente giunge alla conclusione che non c’è felicità nel mondo materiale e decide di tornare a casa, di ritornare ad essere il Dio che è.

Questo mondo materiale non è la nostra casa. Non possiamo mai essere felici veramente qui. Non siamo nel nostro ambiente naturale. Apparteniamo al mondo spirituale, siamo felici in un ambiente spirituale.
La nostra esistenza in questo mondo materiale non ha uno scopo. Questo che dico contraddice tutto quello che hai letto e sentito a riguardo. Nessuno ha mai ha scritto che la nostra presenza su questo pianeta non ha alcuno scopo. Invece viene detto che ognuno ha la propria missione, che siamo qui per imparare, che siamo qui per espiare delle colpe, e altro ancora.
Come è possibile trovarsi in un luogo senza alcuno scopo, fosse solo quello di passarvi le vacanze?

Si può essere in un luogo senza alcuno scopo. Immagina una persona che, per vedere cosa c’è dentro, scivola in una buca profonda con le pareti lisce e senza appigli senza possibilità di potere uscire. Non si trova in quella buca per uno scopo, non c’è alcuno scopo. Cadere in quella buca gliene ha fornito uno: uscire al più presto da quella buca. Tuttavia con il passare del tempo potrebbe dimenticare di esserci caduto dentro e che il suo scopo sia quello di conoscere tutte le caratteristiche e qualità di quella buca. E poi si potrebbero creare un sacco di teorie del perché si è in quella buca e perfino fondare delle religioni.
Allo stesso modo, attratti dalla sua bellezza, siamo entrati in questo universo e non siamo più riusciti ad uscirne. Poi con il passare del tempo siamo arrivati a credere che sia tutto ciò che esiste, senza più chiederci da dove veniamo, e perché siamo qui.





L’unico scopo a cui valga davvero la pena dedicarsi è quello di uscire dall’universo materiale.
Tuttavia questo per la maggioranza delle persone che ancora cercano di affermasi in quanto umani per ottenere l’approvazione da altri esseri umani è inconcepibile, o per lo meno incomprensibile.

E’ necessario rendersi conto della propria esistenza come essere spirituali, non solo a livello concettuale ma facendone l’effettiva esperienza.
In questo consiste il risveglio. Tutto il resto, anche raggiungere la tranquillità mentale e la serenità d’animo meditando sulla bellezza della natura e la grandezza dello spirito non conta nulla se non offre la soluzione per uscire dall’universo materiale. Sarebbe come essere felici e contenti nella buca.

da

fonte

1 commento:

  1. bellissimo,anzi ancor di piu'...magari è la mente a scrivere ma per un momento il concetto è arrivato chiaro prima che la mente elaborasse in mezzo a tutta quella confusione...tornare a casa è la cosa piu' bella che possa succedere

    RispondiElimina