giovedì 1 agosto 2013

DISCORSO DI GIORDANO BRUNO A SAGREDO (febbraio 1600)

giordanobruno
DISCORSO DI GIORDANO BRUNO A SAGREDO (febbraio 1600)
“Un giorno non lontano una nuova era giungerà finalmente sulla terra. La morte non esiste.
 La miseria, il dolore e le sue tante tragedie, sono il frutto della paura e dell’ignoranza di ciò 

che è la vera realtà.”
“Ma quanto tempo ancora sarà necessario?”
“Il tempo dipende da noi, Sagredo. Il tempo è l’intervallo tra il concepimento di un’idea e la sua manifestazione. L’umanità ha concepito il germe dell’utopia e la gestazione procede verso il suo concepimento inevitabile: il secolo passato è una tappa importante, che precede la nascita.
 Gli Esseri divini vegliano sulla gestazione della terra e alcuni nascono qui per aiutare gli
 umani a comprendere che la trasformazione dipende dal loro risveglio.”
“Anche voi Maestro siete sceso qui per questo scopo?”
“ Anch’io Sagredo, ma non sono solo. C’è un folto gruppo di Esseri, che sono scesi più 
volte nel corso della storia e si riconoscono nel grande Ermete, Socrate, Pitagora, Platone, Empedocle… In questo secolo Leonardo, Michelangelo…
“Non so quando, ma so che in tanti siamo venuti in questo secolo per sviluppare arti e scienze, 
porre i semi della nuova cultura che fiorirà inattesa, improvvisa proprio quando il potere 

si illuderà di aver vinto.”
Rumori di fondo indicano che la visita volge al termine.
“Maestro quando potrò ritrovarvi?”

“Guarda dentro di te, Sagredo ascolta la tua voce interiore e ricorda che l’unico 
vero maestro è l’Essere che sussurra al tuo interno. Ascoltala: è la verità che è dentro di te. 
Sei divino, non lo dimenticare mai!”
La porta si apre e compare il guardiano…
“Non ci stiamo separando Sagredo, la separazione non esiste, siamo tutti Uno, 
in eterno contatto con l’Anima Unica…”

Nessun commento:

Posta un commento