venerdì 6 settembre 2013

LA "GRANDE SVEGLIA" STA PER SUONARE




Perché — ad oggi 5.9.2013 — ancora continuano a non fermare il disastro di Fukushima?
Ebbene, il motivo non è certo che si preoccupano delle centinaia di miliardi di euro o di dollari che occorrono per fermarlo, visto che, anzi, ogni volta che qualcuno spende c’è qualcun altro che incassa, e questo piacerebbe molto a tutti perché sarebbe un modo di incrementare il business.
Il motivo è invece che le enormi cifre e la mobilitazione planetaria che occorreranno per fermarlo provocheranno un sommovimento e un terrore tali che implicheranno la fine, in un momento, non solo delle centrali atomiche, ma delle concezioni consumistiche di cui esse sono espressione, per cui comincerà l’era umanistica.
Quella cioè basata sulla fine dello strategismo e l’inizio dell’era dell’intelligenza intesa come capacità di svilupparsi passando attraverso lo sviluppo degli altri. Un passaggio culturale senza il quale l’umanità non si può più salvare.
La ‘grande sveglia’ sta insomma per suonare, e inizierà a suonare entro qualche settimana o qualche mese: l’umanità sta per accorgersi nel modo più drammatico di avere leso il pianeta, e le dinastie bancarie e gli gnomi massoni che lavorano al loro servizio stanno per rendersi conto che nemmeno loro hanno un pianeta di riserva sul quale rifugiarsi..
L’allarme scatterà in America, perché gli americani hanno sì gli occhi coperti dalle loro stupide bistecche, ma — ora che il Pacifico, e poi la Florida, non sarà più praticabile (nel senso di non balneabile, non navigabile ecc.) per le radiazioni, che poi pervaderanno anche le palme di Miami e pian piano tutta l’America (del resto del mondo gli importa poco) — capiranno d’un tratto che non li può salvare né Iron Manné nessun altro degli eroi dei film e delle serie televisive in cui vivono alienati e su cui si basa la loro cultura..
Questo non certo per parlar bene dei governanti, politici e giornalisti italiani, che sono così presi dalle loro beghe che se i tre noccioli atomici che sono spofondati non si sa dove senza che nessuno dica una parola a riguardo emergono nello spiazzo dinanzi all’ingresso del Parlamento non se ne accorgono nemmeno finché non gli incendia i vestiti.
In ogni modo, ora che alle cisterne di acqua fresca con le quali questi dissociati mentali della Tepco e del governo giapponese hanno cercato di spegnere il mostro atomico dovranno sostitursi chissà quali incredibili tecnologie, si sveglieranno tutti.
C’è solo da sperare — una volta contati i danni — che resti abbastanza per poter andare avanti e la lezione sia sufficiente, perché la follia sociale è al punto che potrebbe anche non bastare..

Alfonso Luigi Marra




Nessun commento:

Posta un commento