lunedì 6 gennaio 2014

TOSSICODIPENDENZA EMOZIONALE


Tutto ha inizio da un pensiero che si affaccia all’interno del nostro Campo di Consapevolezza.
Inizialmente, questo pensiero è sostanzialmente una immagine, un vivido flash, che non è accompagnato da alcuna parola, perchè nasce dove le parole non hanno alcuna importanza. È un pensiero/immagine dall’enorme potenza, perchè è l’innesco di una creazione: un pensiero che delinea una possibile realtà, che potremmo scegliere di manifestare oppure no, se sapessimo che è possibile. Ciò che facciamo, invece, frutto di una conoscenza esigua o nulla del fenomeno, è aderire istantaneamente come automi condizionati.
Fino a quando non interveniamo a fare Luce con la nostra Consapevolezza, la generazione di questi potentissimi pensieri/immagine è involontaria, inconsapevole e focalizzata sulla ripetizione ed il radicamento di esperienze verso le quali si sta generando, o si è già attivato, un forte attaccamento emozionale. Queste esperienze diverranno abitudini, e le abitudini diverranno poi tossicodipendenze emozionali, cioè il sostegno primario dello Sfidante ed una fra le responsabilità primarie del nostro depotenziamento energetico e vitale.
Quindi, possiamo dire che fino a quando non interveniamo a fare Luce con la nostra Consapevolezza, la quasi totalità di quelle che chiamiamo libere azioni e creazioni sono sotto il controllo dello Sfidante.
Un passo casuale
e desiderio può essere reale
Un altro passo indulgente
e reale può essere abitudine
Un altro passo inerziale
e abitudine può essere fiume di fango
La punta del piede senza memoria
e il fiume cade nell’Abisso.
La prova di una tossicodipendenza emozionale radicata in abitudine è di semplice scoperta: se si prova adopporre resistenza al suo soddisfacimento, o a far notare la possibilità di non soddisfacimento ad un’altra persona, la reazione è sempre la stessa: tensione, nervosismo, disaccordo incontrollato ai limiti dell’esplosione emotiva rabbiosa. Ciò significa che esiste un forte attaccamento emozionale agganciato al soddisfacimento di una abitudine, e quindi, che l’abitudine è sotto il controllo dello Sfidante. In realtà, la quasi totalità delle nostre abitudini originano attaccamenti emozionali correlati al loro soddisfacimento, quindi possiamo dire che la quasi totalità delle nostre abitudini sono sotto il controllo dello Sfidante.
Molte persone utilizzano
alcool, droghe, sesso, cibo, lavoro, televisione,
o perfino il fare acquisti
come anestetici
in un tentativo inconsapevole
di eliminare il loro disagio di fondo.
Quando ciò avviene,
un’attività che potrebbe essere molto piacevole
se svolta con moderazione
si permea di una situazione di compulsione
o di dipendenza
e tutto ciò che se ne trae
è un sollievo dei sintomi di brevissima durata.
(Eckhart Tolle)
Interrompere le abitudini
è una via per imparare
nuovi modi di percepire il mondo
e fornisce un indizio
di incredibili possibilità di azione.
(John Michael Abelar)
Dopo che lo Sfidante ha generato in noi un pensiero/immagine di creazione di una realtà che gli è favorevole, si innesca la Spirale di Depotenziamento: la Mente di Superficie intercetta questo pensiero esi mette all’opera per manifestarlo nella realtà attraverso il dialogo interiore condizionato, che lo giustificherà, lo incoraggerà, lo sosterrà, metterà in esso tutta la sua focalizzazione; cioè a dire, si fisserà su questo pensiero, un comportamento che è molto semplice scoprire in sè stessi, ma anche negli altri esseri umani e nei modi di dire di cui facciamo solitamente uso, quali “andare in fissa per qualche cosa” e similari.
La focalizzazione della Mente di Superficie, come abbiamo visto, è in grado di produrre un fenomeno di grandissima importanza: la generazione di emozioni corrispondenti a tale focalizzazione. Così, una focalizzazione continuata e serrata della Mente di Superficie sul pensiero/immagine di innesco produrrà, presto o tardi, la generazione di emozioni, che a loro volta alimenteranno nuovamente, con ulteriore carica energetica, la focalizzazione della Mente di Superficie su questo pensiero/immagine, come se queste emozioni fossero la conferma ed il carburante ulteriore di questa focalizzazione.
In tal modo, il processo di Spirale di Depotenziamento caricherà il pensiero/immagine di così tanta energia emozionale da imporre letteralmente alla totalità dell’essere umano che lo sta sperimentando l’azione o le azioni che lo portino a manifestazione. Il cerchio si chiude. Il pensiero/immagine viene manifestato.
Questo è il modo semplice, lineare, con cui lo Sfidante ci manipola come burattini. Questo è il modo con il quale distruggiamo più o meno consapevolmente la nostra esistenza.
Ma attenzione! Questo è anche il modo semplice, lineare, con il quale possiamo costruire una vita meravigliosa. L’unica differenza è nella scelta dei pensieri/immagine di innesco. O li scegliamo noi, o li innesta lo Sfidante. Il processo a seguire è il medesimo; tuttavia, nel caso in cui i pensieri/immagine di innesco sono nostre libere e consapevoli visioni, la Spirale di Depotenziamento diventa Spirale di Potere.
Ci vuole coraggio, molto coraggio,
per iniziare deliberatamente
a eliminare le credenze
che ci fanno soffrire.
Forse non credete di avere il potere
di crearvi la vostra realtà,
ma se accettate questa premessa
potete veramente creare una realtà
differente
da quella che vi fa soffrire.
(Don Miguel Ruiz)
Per rendere ancora più chiaro questo processo, ecco un esempio del suo funzionamento in una situazione di vita tangibile che molti di noi si trovano, purtroppo, quotidianamente ad affrontare. È una situazione esemplificativa, come tante altre che potremmo trovare e vedere all’opera, nella Vita degli esseri umani. Una situazione che ci mostra, a volte spietatamente, un principio astratto ad essa sotteso:
Qualsiasi attività umana si sia caricata
di energia emozionale di attaccamento
al suo soddisfacimento
è pilotata dallo Sfidante
a suo esclusivo vantaggio.
La situazione di vita che esamineremo è quella del bere alcolici in quantità eccessiva.
Eccoci immersi nelle nostre attività quotidiane, relativamente tranquilli e senza preoccupazioni. Improvvisamente, senza avvisaglie e senza ragione, un pensiero/immagine si affaccia all’interno del nostro Campo di Consapevolezza. Un pensiero/immagine correlato al bere una qualche bevanda alcolica.
La Mente di Superficie scatta, e cattura questo pensiero. Il nostro dialogo interiore condizionato, fuori controllo, al quale diamo tutta la nostra fiducia come se noi fossimo queste voci, comincia a ripetere frasi come “Quasi quasi mi faccio un bel bicchiere”, “Si, direi che mi merito proprio un bicchiere”, “Ecco, qui ci vorrebbe proprio un bicchierino”, concordando con sè stessa sul fatto che si, è davvero così come va ripetendo a sè stessa.
Questo dialogo interiore condizionato genera rapidamente una emozione, quasi una sorta di anticipazione del bicchiere che berremo, e di come ci sentiremo bene nel berlo e dopo averlo bevuto. Dal punto di vista della mera percezione, questa emozione non è altro che una sensazione diffusa nel nostro corpo, come una smania, una corrente; ma quando la Mente di Superficie la intercetta, la trasforma, ad uso e consumo dello Sfidante, in energia emozionale, cioè in una sensazione a cui è stata attribuita una etichetta, che non fa altro che alimentare ulteriormente il nostro dialogo interiore nella nostra “presunta” necessità di bere qualcosa.
Ad un certo punto, tale sarà la carica emozionale che si sarà agganciata al pensiero/immagine di bere alcool, che non potremo fare a meno di versarci un bicchiere di qualcosa e berlo, placando questa corrente emozionale e sentendoci inizialmente meglio, apparentemente sollevati ed in pace. Ma non passerà molto tempo, e ne passerà sempre meno, prima che tale stato di quiete venga nuovamente alterato con una necessità emozionale generata da un pensiero/immagine inconsapevole dello stesso tipo, e a la via così, in giorni, mesi, anni di dissipazione energetica vana.
Allora ci si sforza di ottenere beni,
denaro, successo, potere, riconoscimento,
o un rapporto affettivo speciale,
sostanzialmente per sentirsi
meglio con sè stessi,
sentirsi più completi.
Ma anche quando si raggiungono
tutte queste cose,
si scopre ben presto
che il vuoto è ancora lì,
che è senza fondo.
Allora si è davvero nei guai,
perchè non ci si può più illudere.
Beh, si può e si fa,
ma diventa più difficile…
(Eckhart Tolle)
Tossicodipendenze emozionali come questa, e ne esistono in gran quantità senza che sia necessario riportarle qui, possono diventare molto dure da superare, perchè la quantità emozionale che è coinvolta in esse è tale da annebbiare profondamente la coscienza di chi ne è vittima, soprattutto nei momenti in cui si sono innescate. Inoltre, il soddisfacimento prolungato nel tempo di tali tossicodipendenze emozionali altererà inevitabilmente anche l’equilibrio del corpo fisico, che svilupperà progressivamente sempre più recettori delle sostanze che riceve in circolo, a discapito di altre, che riceve meno, o per niente, e che invece dovrebbe ricevere pressochè giornalmente per la sua vitalità ed il suo benessere.
Così, la tossicodipendenza emozionale diventa anche fisica; e a quel punto potrebbe essere davvero dura liberarsene. Nei momenti di quiete, sembrerà di poterla fronteggiare senza problemi, sembrerà un fantasma illusorio ed evanescente. Quando si innesca, diventa un demone, che vuole tutta la nostra attenzione, tutta la nostra energia. E poi ci lascia esauriti, svuotati, solo per tornare qualche tempo dopo a chiedere nuovamente il tributo alla nostra Energia.
Un demone. Al servizio dello Sfidante.
Non c’è nulla che tu od io
possiamo fare,
se non esercitare l’autodisciplina
fino a renderci
inaccessibili.
(John Michael Abelar)
Ma allora dovremmo privarci di tutto, per non cadere nella trappola dello Sfidante? Niente di più folle. Il Mondo è meraviglioso, e pieno di esperienze da vivere. Ciò che dovremmo fare è recidere, o smettere di creare, l’attaccamento emozionale al loro soddisfacimento che mettiamo nelle nostre azioni, qualsiasi esse siano. Private dell’attaccamento emozionale al loro soddisfacimento, le azioni non genereranno dipendenze, e lo Sfidante si vedrà tagliata la principale, se non l’unica, fonte di sostegno energetico che utilizza per perpetuare sè stesso ai nostri danni come un parassita.
Quando una azione viene privata dell’attaccamento emozionale al suo soddisfacimento, l’esperienza viene trascesa. Non è più importante quando, come o perchè la si fa. Possono passare anni prima di praticarla di nuovo, o pochi minuti. Non si sente più alcuna mancanza, nè alcun bisogno di tornare a praticarla. Se c’è la possibilità, si sperimenta. Se non c’è la possibilità, semplicemente non c’è la possibilità. Non c’è più la brama del suo soddisfacimento; non c’è più ossessione, nè sofferenza per la sua carenza.
Eppure, è proprio a questo punto che si trarrà il maggior godimento dell’esperienza in sè. È solo a questo punto che potremo lucidamente stabilire se l’esperienza è davvero per il nostro bene oppure no. Privati del corredo emozionale che aveva l’unico scopo di alimentare lo Sfidante e depotenziare noi stessi, gusteremo pienamente l’esperienza ogni volta che ci troveremo a riviverla, proprio perchè ne apprezzeremo la sua impermanenza, la sua qualità, il suo reale apporto energetico, con occhi sereni e lucidi.
Lo stato d’animo che si origina dal trascendere una esperienza è uno dei pilastri della nostra integrità; a questo stato d’animo, molte tradizioni di ricerca interiore danno il nome di distacco.
Distacco
è equilibrio sottile e consapevole
tra il non negarsi nulla
non abbandonarsi a nulla.

http://altrarealta.blogspot.it/
http://hearthaware.wordpress.com/lo-sfidante-parte1/#sfidante1-7

Nessun commento:

Posta un commento