domenica 16 febbraio 2014

Settimo Cielo: la Droga che Trasforma in Zombie




Come se non vivessimo già in una società di zombie, la temibile “droga del cannibale” approda anche in Italia, ma prima di leggere quanto è accaduto, ecco un ripasso dei primi casi che si sono verificati negli Usa. La droga appare magicamente dal nulla nel 2012 a Miami dove la polizia è stata costretta a lanciare un serio allarme contro una nuova droga sintetica che suscita comportamenti aggressivi. Non è una semplice aggressività solo violenta, ma gli individui che assumono questa droga si trasformano in veri e propri cannibali.

La droga, chiamata “Settimo cielo” costrinse degli agenti di polizia ad uccidere un giovane di 31 anni. Il ragazzo ammazzato è l’haitiano Rudy Eugene, il quale stava letteralmente divorando la faccia di un uomo, fino a renderla irriconoscibile. Il fenomeno è stato chiamato “attacco zombie”, richiamando alla memoria dei cult della cinematografia americana. Vedi: Settimo cielo la droga che trasforma in cannibali!

Nel mese di Giugno 2012 un altro caso da far accapponare la pelle: Cannibale nudo mangia braccio di uomo, nuovo caso antropofagia. Luglio 2012 in oriente: Cina: Cannibale aggredisce una donna prendendole a morsi il volto.

Un’altro caso sempre a Luglio 2012, ad Atlanta, un uomo è comparso dai boschi in un campo da golf, dondolando in stato alterato ed urlando ai presenti che pur non volendo se li sarebbe mangiati. E’ stato molto complicato bloccarlo, ci sono volute quattro spari di pistola: Naked Man Threatens “I Will Eat You” At Golf Course (nel sito Zombie World News troverete molti altri casi). E ancora un nuovo attacco zombie verificato negli USA. La 31enne Carla Murphy, che si trova in ospedale, dopo aver partorito da pochi giorni un bambino e dopo aver assunto quella droga, tenta di sbranare un agente venuto a calmarla.

Poi è la volta dell’Italia: Droga del cannibale primo caso italiano uomo azzanna fidanzata. Nell’Ottobre 2012 succede di nuovo in Cina: Zombie, attacco cannibale in metropolitana (Video)

Dopo questi efferati casi vi fu una lunga pausa (a meno che a me non siano sfuggite le notizie relative a questa droga può anche essere) dopo di chè la droga torna a far parlare di sè a Gennaio 2014: Ecco di nuova la “droga del cannibale”. E a quanto pare è ritornata visto che ora hanno sequestrato diversi grammi di questa orribile droga a Padova.

È conosciuta come droga del cannibale o degli zombi, e ancora Settimo cielo o Sali da bagno: provoca effetti devastanti sul sistema nervoso e impulsi distruttivi che arrivano fino al cannibalismo. In pratica, azzera del tutto i freni inibitori e rende aggressivi al punto che, chi l’ha assunta, non ha esitato ad azzannare altri esseri umani. È sbarcata anche a Padova.

Ieri sono stati sequestrati 600 grammi dai carabinieri di Padova della nuova droga sintetica che ha l’aspetto, appunto, del sale grosso, oppure si presenta polverizzata, è totalmente inodore, pronta per essere sniffata o fumata. Una droga che ha al suo interno tre molecole sintetiche (tra cui il mefedrone) in grado di far perdere ogni forma di autocontrollo, portando appunto al cannibalismo. Insomma si tratta di una sostanza estremamente pericolosa, disponibile anche su internet, diventata di gran moda nonostante le conseguenze sulla salute perché agisce come la cocaina, ma con effetti molto più marcati e incontrollabili.

Eppure è molto cara, costa circa 400 euro al grammo, ed è logico che si rivolga a un target “alto” che può permettersi di spendere. Un target, però, giovane, gli utenti maggiori.
Da dove sono arrivati quei 600 grammi di droga del cannibale sequestrata? Dalla Spagna, attraverso vie particolari.

L’inchiesta è solo all’inizio. Del tutto nuova per il mercato padovano, resta da capire come la droga del cannibale potesse essere smerciata: da pusher che coltivano privatamente i propri clienti? Oppure nelle discoteche? Se non sono chiari i canali di vendita, non lo sono nemmeno quelli di rifornimento: non è escluso che altre partite possano arrivare dall’Olanda o dagli Usa. Per ora gli unici sequestri di Sali da bagno sono stati messi a segno a Milano e a Genova. Ora, terza in classifica, c’è Padova, crocevia importante per l’intero Nordest della droga del cannibale.

Tratto da Informarsi è un Diritto

http://altrarealta.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento