martedì 23 giugno 2015

LA VIOLENZA RELIGIOSA SUI BAMBINI: "LA PRIMA COMUNIONE"

LA VIOLENZA RELIGIOSA SUI BAMBINI: "LA PRIMA COMUNIONE" - L'INIZIAZIONE AL CANNIBALISMO E AL MACABRO (2)

La “Prima Comunione”: bambini stuprati mentalmente, derubati della loro innocenza, costretti a credere di cibarsi del sangue e della carne di un uomo (immaginario), irreggimentati e vestiti come crociati.


La cosiddetta “eucarestia” raggiunge vette inimmaginabili di follia: un vero e proprio rito cannibalesco; un caso eclatante, seppur immaginario, di antropofagia cadaverico-funeraria; una sindrome psicotico-allucinatoria di massa, dove le persone sono realmente convinte di mangiare il corpo e di bere il sangue di un cadavere di duemila anni fa! Se nel caso della religiosità “ordinaria” come crocifissione, santi trafitti, ecc., siamo nella morbosità sado-masochista qui siamo di fronte al delirio macabro-orripilante.


E cosa dire dei genitori che per convinzione o per quieto vivere spingono o permettono ai loro figli di essere mentalmente stuprati tramite l’iniziazione al rito dell’eucaristia, con l’indottrinamento prima (catechismo) e con la cosiddetta “Prima Comunione” poi? Se nel caso delle venerazioni di immagini cruente e sanguinarie si potrebbe invocare la privazione della patria potestà, in questo caso il minimo sarebbe l’arresto per violenza e sevizie mentali su minori.

Oltretutto si tratta - insieme al battesimo, alla cresima, al matrimonio, al Natale ed alla Pasqua - di uno dei fenomeni più squallidi di business economico-religioso e piccolo-borghese, dove divino, infanzia, denaro, cibo, edonismo, compravendita, festa, esibizionismo, conformismo e individualismo, diventano un blocco indistinto in cui il bambino viene avviato alla sua prima “istruttiva” esperienza mercantilistica, di mercimonio e di commercio dei (dis)valori e di adesione a ripugnanti bugie collettive.

Scrive Sam Harris: “E’ difficile immaginare una serie di credenze folli più di quelle che sono alla base di molte delle nostre tradizioni religiose. Considerate una delle pietre angolari della fede cattolica: ‘Mediante la consacrazione si opera la transustanziazione del pane e del vino nel Corpo e nel Sangue di Cristo. Sotto le specie consacrate del pane e del vino, Cristo stesso, vivente e glorioso, è presente in maniera viva, reale e sostanziale, il suo Corpo e Sangue con la sua anima e divinità’.

Gesù Cristo, che, come è noto, è nato da una vergine [sic!], l'ha fatta in barba alla morte ed è asceso al cielo in carne e ossa [sic!sic!], adesso può essere mangiato sotto forma di ostia. Poche parole in latino pronunciate sul vostro vino preferito e potete anche bere il suo sangue [sic!sic!sic!]. Si può mettere in dubbio che chiunque sostenesse in modo autonomo queste credenze sarebbe preso per matto? O meglio, c'è qualche dubbio sul fatto che sia effettivamente matto?”.

http://uaacs.blogspot.it/2015/03/la-violenza-religiosa-sui-bambini-la.html?spref=fb
http://altrarealta.blogspot.it/

1 commento:

  1. Pienamente d'accordo e annichilita nel constatare che nulla cambi .
    Cristiana

    RispondiElimina