venerdì 17 luglio 2015

MANUALE DI LOTTA NON VIOLENTA PER I GRECI. SPECIALE GIOVANI



1) Comprare bomboletta spray nera.

2) Spruzzare svastiche su tutto ciò che esiste di tedesco in Italia, dalle concessionarie Audi VW Mercedes BMW Siemens ecc.
(Non su auto private!)

3) Spruzzare svastiche sulle maglie dei turisti tedeschi, o sul torace se in spiaggia, sulle loro auto, caravan, tende. Devono sentirsi degli appestati.

4) Passare davanti a Consolati ed Ambasciata tedesca gridando con saluto nazi "GRIECHEN UNTERMENSCHEN" (untermenschen significa subumano e i Nazi così chiamavano gli ebrei)

5) Bombardare ogni azienda tedesca in Italia di mail con scritto "GRIECHEN  UNTERMENSCHEN" e svastica in pagina.

6) Cercare se trovabili bandiere naziste di ogni dimensione e appiccicarle ai contenitori di prodotti tedeschi negli ipermercati. In alternativa segnare svastica sui prodotti con grosso pennerello.

7) Scatenare tutti i 'writers' italiani con murales a tappeto pro-Grecia ma sempre con la scritta dentro "GRIECHEN UNTERMENSCHEN".

Inventatene anche voi, ma sempre non violente.

Se fatto su larga scala da nord a sud dell'Italia sarebbe news internazionale e un grande abbraccio di com-passione per il macello del popolo greco. Dai ragazzi. 

Paolo Barnard

I tedeschi sono nazisti nel DNA. Hanno tentato per tre volte di distruggere l’Europa e questa volta ci sono riusciti.

L’unico motivo per cui i tedeschi non sputano ancora sui cadaveri e le ceneri degli ebrei è perché le amministrazioni americane di Johnson e Nixon li costrinsero a pentirsi per motivi strategici (Israele). Ma i tedeschi sono nazisti nel cuore.

La Germania e i tedeschi sono nazisti nel DNA, oggi stanno condannando al martirio milioni di europei, e come se non bastasse li sfregiano pure chiamandoli ‘PIIGS’, maiali. Sono SS nel sangue, sono un popolo che deve essere fermato da una coalizione internazionale e messo sotto tutela ONU per sempre. Non smetteranno mai di provarci. Sono nazisti nati.

PB

http://altrarealta.blogspot.it/


Nessun commento:

Posta un commento