venerdì 13 novembre 2015

Renzi : Un leone in casa, un cagnolino all’estero



Presidente travicello
Da diversi anni vado spiegando che la funzione reale del presidente della Repubblica italiano, nell’ordinamento reale, è quella di assicurare l’obbedienza del governo e del parlamento, cioè delle istituzioni elettive, ai suoi padroni stranieri e ai loro interessi. In questo senso, il presidente Napolitano dapprima impose con la cosiddetta moral suasion a Berlusconi di partecipare alla per noi rovinosa guerra contro la Libia, con la quale aveva appena stretto un trattato di riconciliazione collaborazione, e poco dopo lo sostituì con l’altrettanto rovinoso governo non eletto di Mario Monti, che egli prima fece senatore a vita. Ossia, il presidente della Repubblica sinora ha assicurato che chiunque il popolo avesse messo al potere con il suo voto elettorale, si sarebbe conformato alle direttive delle potenze dominanti sull’Italia.
Molti ritengono che i suddetti interventi di re Giorgio costituissero colpi di stato, ma si sbagliano, perché per fare un colpo di Stato bisogna che prima ci sia uno stato indipendente, mentre l’Italia, dalla sua capitolazione nel 1943, è un paese a sovranità limitata. Poi ha ceduto anche quella che le rimaneva, cioè anche quella monetaria, legislativa e di bilancio, ad istituzioni dominate da capitali stranieri.

Con le riforme della legge elettorale e della costituzione attuate dal governo Renzi, viene molto ridotto il contenuto del potere di scelta politica da parte del popolo, perché i poteri dello Stato vengono in gran parte riuniti nelle mani del Primo Ministro e il parlamento diviene un parlamento di nominati diretto dal medesimo grazie a un ampio premio di maggioranza, che gli consente persino di trasformare la costituzione.

Quindi adesso è il Primo Ministro, Ovviamente non eletto dal popolo, che assicura l’obbedienza dell’Italia agli interessi stranieri dominanti e alle loro direttive europee e bancarie. Un leone in casa, un cagnolino all’estero. Renzi in effetti ruggisce in Italia ma poi, nel vertici europei, se ne sta tranquillo fuori dalla porta chiusa, con la ciotola vuota, ad aspettare per le decisioni e le direttive: un vero Amministratore Capo della colonia Italia.

A seguito del suddetto spostamento di funzioni e di poteri, il presidente della Repubblica, che ora viene praticamente nominato dal Primo Ministro, può svolgere semplicemente il ruolo notarile, di rappresentanza e supporto moralmente legittimante, a favore del Primo Ministro stesso.
Anche il Primo Ministro britannico ha vasti poteri, è quasi un dittatore temporaneo sul parlamento e sul suo partito, però non nomina e non controlla il capo dello Stato, ovviamente, dato che questi è il re o la regina. Lo stesso Mussolini, a differenza di Hitler, era sottoposto al re, il quakle in effetti, al momento opportuno, lo fece arrestare.

Il Primo Ministro che esce dalle riforme dell’attuale governo non ha questo limite. E così, finito il regno di re Giorgio, inizia la dinastia dei re Travicelli.

11.11.15 Marco Della Luna
http://marcodellaluna.info/sito/2015/11/11/presidente-travicello/

http://altrarealta.blogspot.it/

1 commento:

  1. in questo caso specifico, leone fa rima con coglione.....

    RispondiElimina