mercoledì 10 febbraio 2016

LA CRISI LI UCCIDE ABBRACCIATI

Guastalla (Reggio Emilia), 9 febbraio 2016 - Aspettano la morte abbracciati. E la morte arriva con il gas dell’auto, dentro la quale hanno trascorso quella che hanno deciso dovesse essere la loro ultima notte insieme. Ma la vera morte, per loro, era arrivata prima. Con la perdita di speranza nel poter trovare un lavoro, che entrambi cercavano da tempo, e i soldi per pagare l’affitto, le spese e far crescere la figlia di lei, adolescente.

Nel vivere una vita senza dover chiedere ogni volta soldi ai parenti che pure, raccontano, da un anno e mezzo li aiutavano. E poi avevano entrambi qualche problema di salute.

«Scusateci. Vi chiediamo perdono», hanno scritto in un sms a uno dei fratelli di lei. Paolo Galli, 39 anni, originario di Casalmaggiore (Cr), e la compagnaBarbara Morellini, di 45 anni, di Guastalla, nel Reggiano – dove abitavano – hanno anche lasciatoun biglietto sulla loro macchina, una Matiz grigia come tante storie di persone che cercano di arrivare a fine mese: «Quando ci trovate, avvertite i nostri parenti».

Poi la disperazione li ha uccisi. «Domenica ci avevano detto che sarebbero andati a cena dai genitori di lui, a Casalmaggiore», racconta Gianluca, uno dei fratelli di Barbara. Ma a loro non fanno visita. Invece vanno in campagna: si fermano accanto a un casolare a San Matteo delle Chiaviche, frazione di Viadana, nel Mantovano. La macchina rimane accesa, mentre il viaggio della loro vita si ferma per sempre. Ieri mattina i familiari, non vedendoli ritornare, si allarmano. E vanno dai carabinieri, che avviano le ricerche di localizzione dei cellulari. Quello di lui è spento, ma non quello di lei.

Anche i parenti si muovono, e sono i primi, verso le 11, a vedere l’auto: «Ho trovato Barbara con la testa reclinata sulla spalla di Paolo». Lui, tecnico informatico, aveva lavorato alla Visitel di Viadana fino a due anni fa. «Qui aveva conosciuto Barbara – prosegue Gianluca –. Ma lei, e anche lui, avevano perso il lavoro». Poi alla Tecnogas di Gualtieri, «nel febbraio 2015, per un due mesi: ma la ditta era in crisi e lo ha lasciato a casa». Poi alla Smeg di Guastalla, quest’estate: «Ci lavoro anch’io: era felice. Ma aveva problemi alla schiena e ha resistito solo per due giorni». Qualche giorno fa si era sottoposto a una biopsia: «Forse il risultato era stato preoccupante – confida il fratello – ma non sappiamo altro».

Lei, casalinga, cercava qualche lavoretto per arrotondare. Aveva una salute un po’ malferma, «ma non problemi gravi». Con loro, al terzo piano del condominio di via Solarolo a Guastalla, viveva la figlia 16enne nata dal precedente matrimonio di lei. La madre di Barbara e alcuni fratelli, invece, stanno al primo. «Noi li aiutavamo come potevamo», dice Gianluca affranto. Un anno fa la coppia si era rivolta al sindaco di Guastalla Camilla Verona: «Li avevo indirizzati al Centro per l’impiego, consigliando anche i servizi sociali. Poi non li ho più visti».

di ALESSANDRA CODELUPPI
http://www.ilrestodelcarlino.it/reggio-emilia/coppia-suicida-crisi-1.1718406
http://altrarealta.blogspot.it/


vedi anche

“Migliaia di denunce di cittadini contro governo per istigazione al suicidio” (video)

Istigazione al suicidio è un reato previsto dall’articolo 580 del codice penale.

Milioni di cittadini italiani sono allo stremo, senza lavoro, con debiti, uno stato che non garantisce più nulla e chiede l’impossibile minacciando di sbatterli su un marciapiede con il suo intransigente esattore privato, debole coi forti e forte coi deboli.
http://www.pazzoweb5stelle.it/migliaia-di-denunce-di-cittadini-contro-governo-per-istigazione-al-suicidio-video-fate-girare/

Nessun commento:

Posta un commento