sabato 16 aprile 2016

LA BATTAGLIA PER ALEPPO E' COMINCIATA



Alla fine la battaglia per la città di Aleppo è davvero cominciata. A sorpresa, sostenute da pesanti bombardamenti russi, le forze siriane, rimpolpate da iraniani e dal battaglione palestinese “Liwaa Al-Quds” (brigata Gerusalemme), composta di rifugiati che l’IS aveva cacciato dai loro campi-profughi presso Aleppo nel 2012, stanno chiudendo le vie di riformi enti dei terroristi – che sono quelli di Al Nusra – che a questo punto resterebbero assediati in città. Evidentemente russi e alleati hanno posto fine ad ogni esitazione (ammesso che non fosse simulata, uno stratagemma bellico) e prevenuto mosse nemiche, dando per scontato che la fragile tregua dava troppo vantaggio agli avversari forniti di nuovo armamento. Ma la situazione è complessa per non dire caotica: le milizie curde sono tornate ad affiancare l’armata regolare, mentre DAESH ha attaccato posizioni d mercenari filo-turchi, coperti dall’artiglieria turca oltreconfine e probabilmente rafforzati da commandos dell’esercito di Erdogan, riuscendo a spezzarne la continuità. Probabilmente per ritorsione, i servizi turchi hanno rivelato – attraverso il quotidiano Yeni Safak, vicino al partito di Erdogan – che agenti dei servizi Usa s’erano incontrati in gran segreto con un dirigente eminente di Daesh, chiamato Abou Ahmad Alwani, a Mossul, una volta a dicembre, l’altra il 3 febbraio 2016, poche settimane fa…

Assad, contro la volontà occidentale, ha tenuto le elezioni nella parte del paese sotto il suo controllo. La gente s’è spostata massicciamente per votare, gesto civico di resistenza al terrorismo, che dà ad Assad una legittimità che agli altri, avversari, manca. La situazione è tale che Karina Bechet-Golovko, l’analista vicina al FSB, si spinge ad azzardare una possibile vittoria di Assad sul piano militare e politico.

http://russiepolitics.blogspot.it/2016/04/syrie-vers-une-victoire-politique-et.htmlhttp://www.rischiocalcolato.it/2016/04/sion-inquieta-allombra-dello-strategico-iskander.html

http://altrarealta.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento