venerdì 8 aprile 2016

L'inutile retorica del “tutto va a gonfie vele”: l'Italia è al capolinea


Quanto ci vuole a dire una sciocchezza? A quanto pare molto poco. Quanto ci vuole ad evidenziare che era una sciocchezza? Poco più di molto poco. Problema: le sciocchezze richiedono brevi catene di ragionamento, mentre invece la dimostrazione che fosse una sciocchezza richiede lunghe catene di ragionamento. La maggior parte delle persone non riesce a seguire le lunghe catene di ragionamento. Questo vuol dire che colui che ha intenzione di dimostrare che qualcuno abbia detto una sciocchezza, sarà ulteriormente messo in difficoltà da una scarsa attenzione dimostrata dal pubblico. Di conseguenza molto spesso colui che dice una sciocchezza riesce a farla franca. Peggio, la sua sciocchezza diventa la base per costruire una nuove serie di tesi altrettanto sciocche. Alla fine, fortunatamente, il mucchio di sciocchezze crolla sotto il proprio peso, ma coloro che c'hanno creduto, nel frattempo, debbono fare i conti con la propria ingenuità e con quanto hanno perso.

Inutile dire che in Italia abbiamo chi le spara grosse. Il "nostro" presidente del consiglio riesce a farla franca con la sua retorica perché si basa sulle sciocchezze e su brevi catene di ragionamento. Ottiene l'attenzione. Gioca sul fatto che l'elettore medio non si prenderà la briga di controllare e vagliare quanto detto. Molto spesso neanche i media mainstream lo fanno. Quindi tocca farlo alla stampa indipendente. Per il momento, infatti, il "nostro" presidente del consiglio ha potuto tranquillamente seppellire l'etere sotto una caterva di proposizioni inesatte e fantasiose, perché la BCE sta guardando le spalle ai malati d'Europa. Nello specifico, ha scatenato nei mercati una gigantesca offerta d'acquisto per il pattume obbligazionario statale, la quale ha indotto investitori istituzionali e non ad accaparrare titoli di stato facendo front-running al "whatever it takes" di Draghi.

Questa mossa ha abbattuto i rendimenti delle obbligazioni statali, permettendo agli stati europei, e soprattutto all'Italia, di prendere una boccata d'aria dalla grave crisi iniziata con la Grecia nel 2010. Ovviamente questa strategia è totalmente artificiale e non ha assolutamente niente a che fare con mercati liberi e onesti. Sebbene Draghi continui a chiedere che gli stati "facciano le riforme", non accade nulla di tutto ciò perché l'unica cosa che il QE comporta, è un maggiore azzardo morale, una determinazione dei prezzi falsificata e un rischio mal prezzato. Di conseguenza il "nostro" presidente del consiglio sta facendo la voce grossa a livello europeo affinché venga approvato un deficit maggiore per l'Italia, solo in virtù della manna monetaria alimentata da Draghi.

Infatti se non fosse per l'effetto temporaneo del QE, l'Italia avrebbe dovuto operare una vera spending review e non avrebbe potuto scatenare la rapacità del fisco. Non solo, ma avrebbe soprattutto dovuto contenere il proprio deficit affinché gli investitori esteri comprassero il suo debito. Nessuno avrebbe potuto incolpare i bond vigilantes di un presunto complotto, perché le evidenze sarebbero state sotto gli occhi di tutti. Infatti di fronte ad una levata di scudi come quella riportata da questo articolo di Bloomberg, dove i vari funzionari pubblici italiani si sentono oltraggiati dalle richieste tedesche, quale credibilità avrebbe potuto avere a livello finanziario un paese che si rifiuta di constatare la fragilità dei propri conti pubblici? Per non parlare dei bilanci colabrodo delle grandi banche commerciali. Gli addetti ai lavori continuano a spacciare la favoletta dei CDS come metodo per tenere d'occhio le performance e la solidità di una banca. Nel caso di Unicredit e MPS, ad esempio, notiamo che nell'ultimo anno l'andamento dei CDS è stato pressoché piatto, sono schiazzati in alto all'inizio dell'anno e poi sono ritornati alla media degli ultimi 12 mesi non appena lo zio Mario ha sparato il nuovo bazooka.

Cosa vuol dire? Vuol dire che i fondamentali di mercato sono disconnessi dalla realtà. Vuol dire che affidarsi ai CDS per "prevedere" un presunto malanno in realtà bancarie come quelle citate, equivale a chiudere il cancello della fattoria una volta che gli animali sono scappati. Fare affidamento su questi strumenti per cercare di prevedere i malanni economici significa bendarsi gli occhi e affidarsi agli azzardi dei casinò. Gli addetti del settore non comprendono questo fatto perché si limitano a guardare i grafici sui monitor senza avere uno straccio di teoria a supporto. Anzi, li basterebbe leggere qualche articoletto sul web nei confronti di Monte dei Paschi e Unicredit per farsi un'idea dell'immensa cantonata che prendono quando consigliano ai propri clienti di fidarsi d'istituti bancari come quelli citati. Addirittura ritengono che siano tra i più solidi! Stiamo parlando, ad esempio, di una realtà come quella di Unicredit che si accinge a licenziare circa 10,000 dipendenti secondo un recente articolo di Bloomberg.

A questo bisogna aggiungere la politica della NIRP che continua a scatenare una fame di rendimenti decenti tra le realtà finanziarie e bancarie, per le quali un bilancio in pareggio equivale ad un bilancio in perdita. I margini di profitto negli ambienti azionari e obbligazionari verranno utlteriormente limati, costituendo un mal prezzamento incendiario del rischio e del debito.


Visto che il canale della trasmissione della politica monetaria alla gente comune e alle piccole/medie imprese è rotto, il denaro di nuova creazione continuerà ad essere riciclato nel casinò azionario fino a quando i rendimenti diventeranno così minuscoli da essere insignificanti. Allora tutto il pattume tradato a livelli sotto lo zero, visto che ormai ci sono in circolazione circa $7,000 miliardi in bond sovrani con rendimenti negativi, esploderà in faccia a tutti coloro che hanno gozzovigliato con la manna monetaria delle banche centrali. Nel frattempo ulteriori risorse economiche verranno risucchiate da quelle attività che beneficiano della manna monetaria, rendendo il percorso di deleveraging di Main Street ancor più doloroso. E questo rappresenta un doppio smacco per le attività aiutate artificialmente dalla manna monetaria delle banche centrali, perché oltre a veder erosi i margini di profitti nelle bische clandestine, dovranno fare i conti con un ambiente economico distorto che impedisce una corretta allocazione delle risorse economiche verso quelle attività economicamente sostenibili. Questo significa fallimenti e bancarotte, che a loro volta si ripercuoteranno sui bilanci bancari. Questo vuol dire sofferenze sui bilanci bancari in continua ascesa.


I robo-trader, gli imbonitori sell-side nel casinò e gli addetti ai lavori nel settore bancario inebriati dalla retorica keynesiana, non vedono arrivare nulla di tutto ciò. Per ben due volte in questo secolo non l'hanno visto arrivare.

Quindi, no, non esiste alcun "mega-complotto" contro l'Italia da parte della Germania, ma solo l'ingenua e sterile speranza (ovviamente per ragioni economiche legate fondamentalmente ai saldi Target2) di quest'ultima di voler cambiare un paese prossimo alla bancarotta ufficiale. E quando parlo di "bancarotta del paese" non sto esagerando. Come definireste un paese che continua a prendere in prestito denaro e a spenderlo in progetti improduttivi? Nonostante tutte le chiacchiere sulla fantomatica riduzione della spesa pubblica, quest'ultima continua a rimanere a livelli da record a circa €830 miliardi. Non solo, a questo dobbiamo aggiungerci l'assurda pressione fiscale italiana reale che si attesta ormai al 70%. Insomma, gli italiani lavorano praticamente per lo stato. Dov'è la creatività? Dov'è l'innovazione? Si pensa di uscire da una stagnazione secolare costruendo cattedrali nel deserto come il ponte sullo stretto? Se la storia è una guida, Hoover ci provò con la sua diga e fallì. Invece la retorica delle sciocchezze ancora attecchisce tra gli elettori. La loro pigrizia nel voler seguire lunghe catene di ragionamento li costerà caro: sia in termini pecuniari sia in termini di libertà e privacy.

Voglio dire, vi basta considerare quanto sia diventata ingerente la burocrazia. Pensate alla follia delle ingiunzioni di pagamento, dove il malcapitato di turno deve prima pagare e poi dimostrare la veridicità di quanto affermato dallo stato. Pensate a quanto ci vuole ad aprire un'attività. Ma la vera propaganda nel nostro paese non tanto sono le proiezioni stimate del PIL utilizzate dal governo per costruire castelli in aria, che poi si schiantano a terra quando escono i numeri reali. Infatti bisogna ricordare ai lettori disattenti che i numeri dell'Istat vengono rivisti costantemente una volta usciti. Se poi la politica sfrutta i dati grezzi per mostrare all'elettorato il presunto successo del suo governo, non bisogna gridare allo scandalo una volta uscite le rettifiche. La balla esisteva già da prima, utilizzando cifre temporanee come base per la gestione dei conti pubblici. Questa è pura e semplice cialtronaggine. Non c'è bisogno di soffermarsi più di tanto sul tira e molla con i dati Istat, i quali vengono segnalati dal "nostro" presidente del consiglio qualora positivi o vengono soprasseduti qualora negativi.

Gente, il vero inganno è la cosiddetta caccia all'evasore. La scusa principe per aizzare i contribuenti gli uni contro gli altri, sviando l'attenzione dalla rapacità dello stato. Infatti non si stanno affatto "recuperando" fondi dall'evasione fiscale, poiché con gli strumenti repressivi in mano allo stato ci sono poche vie di fuga, è il costante aumento della pressione fiscale, delle contribuzioni e la costante riduzione delle detrazioni che ha permesso allo stato italiano d'incamerare più risorse dalla popolazione. E che cosa ha fatto? Ha speso di più.

La giustificazione dell'evasore, quindi, serve al "nostro" presidente del consiglio e ai suoi sicofanti per continuare a tenere una mano ben ferma nel portafoglio degli italiani e un piede ben saldo sulla loro testa. E questa è solo una metà dell'intera storia. Infatti la metà più interessante la ritroviamo nelle chiacchiere sul lavoro. La ripresa economica di cui vanno blaterando i media mainstream e i politici è solo nei numeri, non nella realtà. Soprattutto in un'economia in cui il lavoro è stato tagliato e sminuzzato e poi diviso tra impiegati in call center, fattorini, camerieri, montatori di palcoscenici, ecc. Questi lavori non offrono affatto retribuzioni da capofamiglia, quelle che permettono agli individui di comprare casa e costruire una famiglia.

Infatti se guardiamo i dati riguardanti l'impiego a temo indeterminato, noteremo un trend nettamente al di sotto della propaganda del "nostro" presidente del consiglio, il quale si sta pavoneggiando nei suoi comizi a botte di striscioni pro-Jobs Act. No, i politici non sono affatto in grado di creare posti di lavoro. Non hanno gli strumenti adatti nelle loro mani per fare impresa. Non sono in grado d'effettuare un calcolo economico in accordo con le forze di mercato.


Nessun commento:

Posta un commento