giovedì 28 luglio 2016

... QUESTA EUROPA DI CASTRATI

Nel trattare il fenomeno dell’immigrazione stiamo pagando – ma non avete idea di quanto pagheremo in futuro – l’aver confuso l’energia femminile all’ottava alta con quella all’ottava bassa. La prima è sinonimo di apertura verso le altre culture e accoglienza consapevole, mentre la seconda è sinonimo di sottomissione, soggezione, docilità, sopportazione. 

Essere donna non è la stessa cosa che essere una “femminuccia”. Sviluppare una certa predisposizione nell’accogliere l’estraneo non significa divenire una puttana. Gli Stati europei non sono maschili e non sono nemmeno femminili, sono solo delle femminucce. I popoli che intendono l’energia maschile all’ottava bassa (“se voglio una donna me la faccio e quando non obbedisce la meno”) faranno un sol boccone di questa Europa dei castrati dove non c’è nemmeno più il servizio militare obbligatorio e dove si toglie il crocefisso dalle classi perché i nostri “ospiti” non lo vogliono.

(Come se io invitassi un ospite a casa mia e “nel rispetto della sua sensibilità” togliessi quadri e simboli della mia religione dalle pareti invece di pretendere che lui allarghi le sue vedute nel rispetto della cultura del padrone di casa).


Il rifiuto europeo per l’energia maschile nasce anche questo da una incapacità di distinguere fra energia maschile all’ottava bassa (aggressività, rozzezza, intolleranza) ed energia maschile all’ottava alta (le caratteristiche del monaco guerriero: decisione, fermezza, capacità di raggiungere obiettivi, rispetto di antichi valori).


L’identità di chi ha organizzato lo “stupro di guerra” della notte di capodanno non riveste la minima importanza. Parimenti, non è così essenziale fare ipotesi su chi si colloca dietro gli attentati terroristici sempre più frequenti. È sempre ciò che accade sul piano simbolico ad essere fondamentale, perché quando un fenomeno riveste un’importanza simbolica questo si fissa – si sigilla – sui piani sottili e, a livello psicologico, si fissa nel nostro inconscio.

Qualcuno ha voluto mandare un messaggio antico e archetipico a tutta l’Europa, colpendo la nazione che, sempre simbolicamente, sta al centro dell’Europa stessa.
Violiamo le vostre donne senza essere puniti, perché voi siete impotenti (in tutti i sensi)!
Vi abbiamo conquistato!
Ma le coscienze assopite degli europei avranno realizzato la gravità di ciò che è successo e, soprattutto, di ciò che sta per succedere?



Questo post era solo un’introduzione all’articolo di Maurizio Blondet, chiaro e lucido come sempre, che si colloca sulla stessa onda del mio e che vi consiglio caldamente di leggere:
http://www.maurizioblondet.it/i-siriani-hanno-capito-lue-e-femmina/

Salvatore Brizzi


articolo completo:
http://altrarealta.blogspot.it/2016/02/salvatore-brizzi-sullimmigrazione.html



http://altrarealta.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento