venerdì 16 settembre 2016

Ordo Templi Orientis


IO FACCIO PARTE della massa. Tutti, o quasi tutti, sembrano crollati dalla stanchezza, non dal logorio del lavoro, ma nel letargo.

La vasta distesa si getta al di là di ciò che l'occhio riesce a cogliere, anche se non fosse del tutto buio con una arcana e fitta nebbia di vapore paludoso. Pochi di noi sono mezzi svegli: ammutoliti rivolgono lo sguardo ad oriente; non vi è luce alcuna.

Peggio per me, che sono del tutto sveglio, con l'orribile e senza speranza paura del sonno di uno mezzo drogato! Meravigliato, stupefatto  non so chi sono  non so di dove vengo e non so dove andrò. Vagamente, mi dico nel mio cuore appesantito: non devo dormire perchè sono un soldato. Ma di quale comandante, e di quale guerra? Non riesco a capirlo.

Non vi è altro che una tenue ombra di un qualche disastro accaduto tanto, oh, tanto tempo fa, la polverosa memoria di un qualche capo caduto in disgrazia, di un progetto fallito , sono solo sicuro di questo: che ogni disciplina è andata, ogni coraggio annientato, ogni scopo terminato.


Queste le prime righe dell'opera :Ordo Templi Orientis Di Aleister Crowley

http://altrarealta.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento