domenica 24 febbraio 2019

Gent.ma Sig.ra Emma Marrone...

Gent.ma Sig.ra Emma Marrone, mi sento di scriverle queste due righe che - evidentemente - lei non leggerà mai, ma rappresentano il mio pensiero.
In Italia c’è libertà di parola quindi lei - nei limiti delle leggi - può dire, come chiunque, ciò che pensa.
Ora però la inviterei ad alcune riflessioni:
1- è probabile che lei ce l’abbia con i c.d. “populisti”, mi dica, cosa c’è di più populista del suo gesto?
2- lei grida “aprite i porti”. Io la inviterei ad informarsi. Questo Governo tiene aperti addirittura gli aeroporti e va a prelevare con aerei militari chi veramente scappa da guerre.
3- i porti sono chiusi per evitare le malefatte di scafisti, di falsi buoni come le ONG e soprattutto per insegnare che in Italia si può essere accolti ma solo rispettando le regole.
4- aprire i porti, come grida lei, porterebbe ad una nuova stagione di stragi in mare che i provvedimenti di questo Governo hanno scongiurata (si vada a leggere i dati).
5- con quei famigerati barconi abbiamo importato delinquenti di tutti i tipi (per esempio lei sa che la c.d. mafia nigeriana è la detentrice del cartello della vendita illegale di organi)? Che brutto vero? Ma già forse dal suo attico o dal giardino della villa che lei si è potuta permettere essendo una - credo - brava cantante tutto questo non si vede.
6- come donna cos’ha provato quando le due ragazzine che le fanno compagnia in foto sono state stuprate, uccise e fatte a pezzi?
Quindi - se lei mi leggesse - le rammenterei un fattore: il pubblico che frequenta i suoi concerti è trasversale come lo è il denaro che versa nelle sue tasche così da permetterle una vita agiata.
Allora - da donna e da cittadina italiana - la prossima volta che salirà su di un palco abbia il coraggio di gridare qualcosa d’altro.
Potrei suggerire:
- GIUSTIZIA PER DESIRÈE E PAMELA!!!
- FUORI I DELINQUENTI DALL’ITALIA PERCHÉ FANNO IL MALE DEGLI IMMIGRATI CHE RISPETTANO LE REGOLE E SI COMPORTANO BENE!!!
Mi creda farebbe un figurone.

Roberto Rettore
http://altrarealta.blogspot.it/

lunedì 18 febbraio 2019

AVEVO UN SOGNO ...

Avevo un sogno, credevo che saremmo riusciti a salvare il Paese, che dopo anni di mal governo e malaffare finalmente ce l’avremmo fatta. Purtroppo mi sbagliavo. Alcune persone che oggi siedono in Parlamento non hanno capito che non sono più al circolo dei dissidenti o in pizzeria, oggi hanno la responsabilità del governo della Nazione. C’è un ramo troppo estremo del movimento, quelli del NO su tutto e ad ogni costo, rappresentato da Fico, che sembra sempre di più la Boldrini, e da Di Battista, che pur non avendo alcun ruolo non la smette un attimo di mettere zizzania, che il pragmatismo proprio non lo conosce. Oggi si deve votare se processare Salvini, ministro dell’interno, oppure no? Il Governo ha già dimostrato di sostenerlo ma niente si deve dare l’autorizzazione affinché venga processato. Perché noi siamo diversi e siamo onesti. Un ministro che ha agito nel rispetto delle proprie funzioni per difendere gli interessi del Paese! Oltre che poco pragmatici dimostrano anche di essere degli sprovveduti! Con tutto l’accanimento mediatico e parlamentare intorno a questa vicenda questi geni cosa fanno? Offrono il fianco al nemico, un nemico scaltro e senza scrupoli! Prodi e Napolitano furono processati per aver istituito il blocco nell’Adriatico? Dalema fu processato per aver bombardato i Balcani? Berlusconi fu processato per aver fornito appoggio all’operazione contro la Libia? Nessuno fu mai processato perché agi per conto del Governo e nell’interesse del Paese!!! Salvini non va processato punto! Gli equilibri già fragili che tengono insieme il Governo rischiano di sgretolarsi! Qualcuno dirà che è un bene, cade tutto e ci leviamo dalle palle Salvini il satanaccio, bene a questi dico: non avete capito niente!! Se cade il Governo secondo voi si vota subito o il “Re” che siede al Quirinale proverà a formare un governo tecnico? E chi chiamerà? Noi poveri illusi onesti ma incapaci o i ladroni tanto cari all’establishment e all’Europa?! L’esperienza di mister B non vi ha insegnato nulla?! Sveglia!!! Avevo un sogno ma forse mi sono affidato a degli incompetenti! Credo ancora nella bontà del Movimento ma se vogliamo cambiare il Paese dobbiamo crescere, dobbiamo maturare e dobbiamo farlo velocemente!!!

Cristian Maurihttp://altrarealta.blogspot.it/

venerdì 15 febbraio 2019

giovedì 14 febbraio 2019

HANNO UCCISO OSHO, OSHO E' VIVO

Osho venne sottoposto a «una serie di procedimenti illegali», e tenuto in stato di arresto per molti giorni in più rispetto a quella che sarebbe stata la normale procedura, senza che i suoi avvocati fossero avvisati dell’arresto. Venne trasferito in 12 giorni prigioni diverse, «senza motivo e senza una regolare procedura». In un carcere fu registrato col falso nome di David Washington: perché?

Fu tradotto in un penitenziario di contea e non nel carcere federale, dove per giunta rimase 4 notti anziché una, come previsto in genere per i prigionieri in transito. Leggendo la sua biografia, e il libro che alcuni suoi discepoli hanno scritto sulla sua morte, saltano agli occhi poi alcune cose.

Anzitutto la testimonianza di un detenuto in carcere per omicidio, Jonh Wayne Hearu, che al processo dichiarò di essere stato avvicinato per gettare una bomba sulla comunità di Osho.
Furono addirittura insabbiate le testimonianze di alcuni agenti federali, che dichiararono che stavano indagando su un’altra bomba, destinata non alla comunità di Osho ma al carcere nel quale il leader spirituale era stato tradotto. Gli uomini dell’Fbi fecero capire che si trattava di «telefonate partite da centri istituzionali», ma «l’inchiesta su questa vicenda venne insabbiata e il funzionario che stava indagando venne trasferito».


Il giorno dell’arresto, continua Franceschetti, erano pronti centinaia di militari che avevano circondato la comunità di Osho.

Erano «in assetto da guerra e con elicotteri da combattimento».

Il leader spirituale però «fu avvertito della cosa e quel giorno si fece trovare a casa di una sua seguace, dove si consegnò pacificamente».

Per giunta, da giorni, i suoi legali chiedevano notizie circa l’eventuale possibile arresto di Osho «il quale, nell’eventualità, voleva consegnarsi spontanemente».

Le autorità americane rassicuravano gli avvocati, ripetendo che non dovevano temere nulla. Eppure, «l’arresto fu effettuato a sorpresa e con la preparazione di un vero esercito».


Motivo? «A mio parere – dice Franceschetti – avevano preparato una strage, che fu sventata dall’allontanamento di Osho dalla comunità». Probabilmente, «per il governo la cosa migliore sarebbe stato provocare un incidente per poter uccidere Osho direttamente il giorno dell’arresto».

Giornali e televisione, che avevano sempre creato problemi alla comunità dipingendola come un covo di satanisti orgiastici, avrebbero liquidato l’eventuale Discepoli di Osho a Raineeshpurammassacro come l’inevitabile esito di un atto di ribellione da parte di fanatici fondamentalisti, una rivolta «repressa con le armi dall’eroico esercito americano».

Altro fatto inspiegabile: Osho disse di essere stato in carcere per 11 giorni, quando invece i giorni erano stati 12. «In altre parole, per un giorno Osho perse la memoria. Non fu mai chiarito il perché e il come». Resta il fatto che al guru fu riscontrato un avvelenamento da tallioche lo portò alla morte in pochi anni.

«Nei giorni successivi all’arresto, Osho fu trattenuto in carcere più del dovuto perché doveva prepararsi l’avvelenamento da tallio», che avvenne probabilmente «spargendo la sostanza nel letto dove Osho dormì». Era solito dormire su un fianco, e la parte del corpo che risultò agli esami maggiormente contaminata era proprio quella dove Osho aveva dormito. Una morte così sospetta, da mettere in allarme politici e intellettuali anche in Italia, firmatari di una denuncia scritta. Tra questi Lorenzo Strik Lievers, Luigi Manconi, Marco Taradash, Michele Serra, Giorgio Gaber, Lidia Ravera, Giovanna Melandri, Gabriele La Porta. «Il quadro dei fatti è impressionante», scrissero, «e gravissimi sono gli interrogativi che ne escono».

Per cui, «se coloro cui spetta non vorranno o non sapranno dare risposte persuasive, saranno essi a legittimare come fondata la denuncia dei discepoli di Osho». I firmatari chiesero l’apertura di un’inchiesta internazionale, per «far luce su questa pagina oscura», e per sapere «se, ancora una volta nella storia, il “diverso” sia stato prima demonizzato e poi eliminato nell’indifferenza generale».

Perché fu ucciso, Osho Rajneesh?
I suoi allievi accusarono «i fondamentalisti cristiani, che vedono Satana in tutto ciò che non è cristiano». Secondo Franceschetti, erano completamente fuori strada. Tanto per cominciare, «Bush padre, come il figlio e come Reagan (presidente al tempo dell’arresto di Osho) non sono cristiani nel senso “cristiano” del termine». Il cristiano vero «dovrebbe essere tollerante e amorevole verso tutti, e non dovrebbe per nessun motivo uccidere».

Loro? «Sono cristiani nel senso “rosacrociano”; fanno parte cioè di quel ramo dei Rosacroce deviato, l’Ordine della Rosa Rossa e della Croce d’Oro», e quando parlano di Dio e di Cristo «intendono questi termini in senso esattamente opposto al senso cristiano: non a caso in nome di Dio scatenano guerre uccidendo milioni di persone».

Bush ha spesso ha ripetuto che “Dio è con lui”. Già, ma «il Dio in nome del quale scatenano la guerra è il loro dio, Horus, non il Dio dei cristiani». Bush quindi «non è un cristiano», mentre Reagan e BushOsho «è più cristiano di molti “cattolici”, in quanto seguiva alla lettera i principi di amore e tolleranza che sono scritti nei 4 Vangeli».

Franceschetti indaga il profilo spirituale del crimine e la sua traduzione politica: «La comprensione e l’interiorizzazione dei principi su cui si basa la filosofia di Osho è idonea a scardinare proprio quei capisaldi su cui la massoneria rosacrociana basa la sua forza: ovvero il concetto della morte e il concetto del denaro».

Di fatto, con i suoi scritti, «Osho incita a non temere la morte, e a viverla come uno stato di passaggio, in cui addirittura si vivrà meglio che nel corpo fisico».

Quanto ai soldi, «nonostante girasse in Rolls Royce, non era attaccato al denaro: da giovane insegnava all’università ma rifiutò una promozione perché, disse, non voleva regalare ancora più soldi allo Stato con le tasse». Non si preoccupò mai del denaro, «perché sosteneva che nell’universo arriva sempre esattamente ciò di cui hai bisogno, nel momento giusto».

Le Rolls Royce?
«Arrivarono perché la sua comunità attirava anche gente ricca, e ciascuno metteva in comune ciò che aveva: gli avvocati gestivano gratis i problemi della comunità, i muratori costruivano, i medici curavano, i docenti di varie discipline insegnavano e, ovviamente, chi aveva soldi, donava soldi».

Secondo Osho, «il denaro e il lusso sono un mezzo come un altro, possono esserci o meno, ma non devono intaccare la serenità interiore, che invece si acquista con altri mezzi». Insegnava ad amare la vita, ma non ne era attaccato. Lo dimostrano le testimonianze dei seguaci che raccontano la sua ultima notte: rifiutò l’assistenza del medico personale.

«E’ il momento che me ne vada», disse. «Inutile forzare ancora le cose. Ormai soffro troppo, in questo corpo».

Per Franceschetti, dunque, «Osho faceva paura perché il sistema massonico in cui viviamo si basa su due fondamenti, la paura della morte e la paura della perdita economica».

Senza queste paure, il potere, che vive di minacce dirette o indirette (se ti opponi perderai il lavoro, perderai la vita, perderai l’onore perché ti infagheremo) non potrebbe resistere.

Senza la paura della morte (tua e dei tuoi cari) svanisce anche il ricatto familiare che si riassume nella frase: non ti opporre al sistema, se tieni alla tua famiglia.
A questo sistema la comunità Franceschetti di Osho contrapponeva un modello alternativo, basato sul mutuo aiuto: baratto e libero scambio di beni e competenze quotidiane, senza mercificazione.

«Anche dal punto di vista religioso, Osho poteva far paura», conclude Franceschetti. «Non ha fondato una sua religione, né si ispirava ad una religione particolare. Nei suoi libri e nei suoi discorsi utilizzava il Vangelo quando parlava a persone cattoliche, i Sutra buddisti quando parlava a buddisti, i Veda indiani quando parlava a induisti, e attingeva da fonti ebraiche, sufi e chassidiche».

Tra i tanti libri, scrisse anche “Le lacrime della Rosa mistica”, quella a cui si ispirano i Rosacroce. «Si possono leggere i suoi scritti, quindi, pur restando buddisti, cristiani, o ebrei. Ma dava una lettura dei testi sacri più moderna e al passo coi tempi, il che poteva far paura a coloro che ancora ragionano con schemi che risalgono a migliaia di anni fa, e che usano la religione come uno strumento per tenere sotto controllo le menti degli adepti».
Osho, in altre parole, «fu ucciso per lo stesso motivo per cui furono uccisi altri leader spirituali famosi, come Gandhi e Martin Luther King».

Soprattutto, «fu ucciso per la stessa ragione per cui vengono uccisi tutti quelli che si ribellano al sistema denunciandolo fin nelle fondamenta, dai cantanti, agli scrittori, ai registi, ai magistrati, ai giornalisti».

Il potere aveva ragione di temerlo: «La diffusione delle idee di Osho poteva contribuire a scardinare il sistema».

Se non altro, il suo pensiero non è andato perduto: lo testimonia la continua ristampa dei suoi libri, sempre più diffusi. «Per certi versi, Osho è più vivo che mai».

Fonte: http://www.libreidee.org/2015/05/insegnava-a-non-avere-paura-per-questo-osho-fu-ucciso/

http://altrarealta.blogspot.it/
http://altrarealta.blogspot.it/

lunedì 11 febbraio 2019

ANCHE LA SPAGNA IN PIAZZA






MADRID. A partire dalle 12 di oggi, domenica 10 febbraio, decine di migliaia di persone stanno manifestando a Madrid, in Plaza Colón, contro il governo socialista di Pedro Sanchez. Secondo gli organizzatori erano presenti in piazza circa cinquantamila persone.



Si tratta della prima grande manifestazione delle destre convocata contro il governo Sanchez, che ha appena compiuto otto mesi di vita. La manifestazione ha anche un altro primato: è la prima grande manifestazione convocata unitariamente dai tre partiti della destra, il Partido Popular (PP), Ciudadanos e Vox.
La destra spagnola vuole far cadere il governo Sanchez

Vox è il partito di estrema destra che è passato nel giro di pochi giorni dall’essere una forza politica senza rappresentanza ad ottenere quasi l’11% alle elezioni regionali in Andalusia. Andalusia dove, proprio poche settimane fa, ha preso il via un governo delle destre formato da questi tre partiti. L’obiettivo di questi tre partiti è ripetere questa formazione anche nel resto della Spagna, dove a maggio ci saranno elezioni amministrative e regionali, oltre alle Europee.
“Per una Spagna unita, elezioni subito”

La manifestazione è stata convocata contro il governo socialista sotto lo slogan: “Por una España unida. Elecciones ya” (per una Spagna unita, elezioni subito). Hanno aderito anche organizzazioni di estrema destra come Falange de las Jons ed España 2000, ed anche i neofascisti (simpatizzanti dell’italiano Casa Pound) di Hogar Social Madrid.
“La legislatura è finita”

Durante la protesta, i leader dei tre partiti politici hanno decretato “la fine della legislatura” ed hanno chiesto al capo del governo, Pedro Sanchez, di rompere qualsiasi relazione con i partiti indipendentisti catalani. Inoltre hanno chiesto di convocare elezioni politiche immediatamente. Dal palco è stato ripetutamente sottolineato il valore di una “Spagna unita” e l’attaccamento alla bandiera nazionale. La posizione dei tre partiti spagnoli relativamente alla Catalogna è di “mano dura”. Vox chiede addirittura la sospensione dell’autonomia della regione.
Condanna alla politica di dialogo con gli indipendentisti

La manifestazione era stata convocata mercoledì scorso a seguito della decisione del governo Sanchez di nominare un “coordinatore” che facesse da mediatore in un tavolo di trattative con i partiti indipendentisti catalani. Una richiesta che veniva proprio dai partiti indipendentisti catalani.

L’esecutivo socialista, nato nell’estate 2018 come governo di minoranza grazie al voto favorevole dei partiti nazionalisti catalani, è appeso a un filo in questi giorni: i partiti indipendentisti che siedono nel Parlamento di Madrid avevano minacciato di votare contro se Sanchez non avesse accettato la figura del “coordinatore”. Inoltre, il 12 febbraio, inizierà il processo ai leader indipendentisti in prigione e questo ha riacutizzato la crisi fra Madrid e Barcellona.
Giorni difficili per Pedro Sanchez

La destra ha fin da subito tuonato contro la decisione del governo Sanchez di aprire il tavolo di trattative, accusando apertamente il leader socialista di essere un “traditore”. Negli ultimi giorni in realtà le trattative fra governo e indipendentisti sono fallite, ma la destra ha deciso di continuare sulla strada della piazza e la manifestazione non è stata annullata.


https://www.itagnol.com/2019/02/manifestazione-destra-spagnola-piazza-colon-madrid/


http://altrarealta.blogspot.it/

domenica 10 febbraio 2019

PERCHE' I MONACI DEL MONTE ATHOS NON SI AMMALANO MAI DI CANCRO

Ormai è un dato scientifico, e gli studi erano iniziati nel 1962... Questi monaci non si ammalano di cancro, e non hanno mai avuto questa malattia, in base alle ricerche sui resti dei monaci che contano migliaia di anni.

Il Monte Athos o repubblica monastica del Monte Athos (in greco Αυτόνομη Μοναστική Πολιτεία Αγίου Όρους Aftónomi Monastikí Politía Ayíou Órous) è un territorio autonomo della Grecia, dotato di uno statuto speciale di autogoverno (art. 105 della Costituzione greca). Confina per una sottile striscia di terra con la Macedonia Centrale.
Sono state fatte diverse ipotesi, ma alla fine, ne è stata confermata una sola: il fatto dipende dall'alimentazione e dalla vita sana che i monaci conducono.


Non mangiano mai la carne, ma mangiano molta frutta e verdura. Inoltre, fanno molti digiuni. La loro età media è di 94 anni (é un altro dato ufficiale).
Le regole della loro dieta sono prescritte dalla chiesa ortodossa che raccomanda di mangiare con moderazione, senza grassi né olio, e a piccole dosi. Non sono vegani, mangiano il pesce e i formaggi (ma pochissimi).
C'è da notare che tutti gli ortaggi e la frutta che arrivano sulla loro tavola sono prodotti nel monastero, e non si tratta solo del biologico; anche il fatto di passare molte ore a dedicarsi al lavoro fisico all'aperto contribuisce alla vita sana.
Certamente, i monaci vivono lontano dagli stress e dall'aria sporca delle grandi città, ma gli abitanti della cittadina situata poco lontano dal monte Athos hanno un'alta percentuale delle malattie oncologiche, e respirano la stessa aria ...

Quindi, come è possibile seguire il loro esempio? Forse, osservando queste semplici regole:
- Evitate gli stress, le ansie, la rabbia, purificate l'anima e allora essa potrà diventare il vostro miglio medico.
- Passate molto tempo all'aria aperta, soprattutto in campagna.
- Mangiate i cibi semplici, abbandonando le conserve, i grassi, la carne e i piatti elaborati.
- Tre volte alla settimana, osservate un quasi digiuno mangiando soltanto la frutta e la verdura.
- Almeno 5 volte alla settimana, per un paio d'ore, dedicatevi all'attività fisica o sportiva.
- Abbandonate delle cattive abitudini come il fumo, l'alcol, la vita sessuale sregolata.
Olga Samarina
http://altrarealta.blogspot.it/

sabato 9 febbraio 2019

LE PENSIONI D'ORO DEI SINDACALISTI


Sapete quando è stata approvata la legge che garantisce pensioni d'oro ai sindacalisti? Nel 1996 per opera di Treu (Legge 564), ministro del centrosinistra, oggi del PD. E sapete quando è iniziato lo smantellamento dei diritti dei lavoratori e la precarizzazione del lavoro? Sempre nel 1996 con il "pacchetto Treu", che ha istituito gli LSU e il lavoro interinale. Strano vero?

E proprio oggi i sindacalisti e la sinistra  ha manifestato contro il reddito di cittadinanza contro l'aumento minimo delle pensioni a 780 euro e contro quota 100 , ma vi rendete conto con che gente che abbiamo a che fare ? avete capito perche' ce l'hanno con il governo attuale ? semplice temono di perdere i SUPERPRIVILEGI che hanno rispetto a tutti noi

IvanoV

http://altrarealta.blogspot.it/

la triste realtà del nostro mondo moderno





Le illustrazioni brutalmente franche di Steve Cutts raffigurano perfettamente la triste realtà del nostro mondo moderno

https://altrarealta.blogspot.com/



giovedì 7 febbraio 2019

LA FABBRICA DEI MALATI

-All'inizio abbassarono i valori di sicurezza del colesterolo, da 300 a 280 e aumentarono le vendite delle statine, visto che il trucco funzionava lo portarono a 200, e le vendite aumentarono del 3.200 %.
-Poi venne il momento di abbassare i valori delle pressione sanguigna, e gli antipertensivi raggiunsero fatturati miliardari.
-Poi venne anche il momento per l'abbassamento dei valori nel diabete gestazionale.
-E così continuarono per tante altre patologie degli adulti.
-Ma alla fine il mercato si saturò.
-Non sapevano più come fare per aumentare i loro fatturati miliardari, ma Henry Gadsden aveva fatto scuola e i suoi discepoli si erano evoluti.
-Perche' non vendiamo farmaci anche ai bambini sani?
Ma come facciamo a fargli credere che un bambino sano
abbia bisogno di farmaci, invece di un alimentazione corretta,
stare all'aria aperta, evitare bibite gassate ed energizzanti,
stare lontano dallo zucchero e dal latte etc. ?
-SEMPLICE basta terrorizzarli sulla
possibilità certa che si possano ammalare, così le persone impaurite e ignare, si faranno del male da sole, nella totale convinzione di essere nel giusto.
-Ma alcuni non ci crederanno mai, come pensi di gestire la cosa.
-Ah ah gli diremo, che se non si vaccinano tutti, il vaccino non può funzionare.
-SEI UN GENIO.
-----------------------------------------------------------------------------------


Hanno abbassato la soglia dell'ipertensione!
Moriremo tutti ipertesi

La stavo attendendo con trepidazione da molti anni e finalmente l’agognata revisione è arrivata.
Dopo ben due settenni le linee guida del JNC7 (settimo rapporto del Joint National Committee on Prevention, Detection, Evaluation, and Treatment of High Blood Pressure) per l’ipertensione decise dalle società scientifiche di cardiologia americane sono state ritoccate. Ovviamente in ribasso.

La nuova «soglia di normalità» è stata fissata a 120/80 mmHg.
Forse non tutti conoscono i valori soglia e pochi masticano i milligrammi di mercurio (mmHg), ma con questi nuovi criteri 1 americano su 2 rientrerà nella categoria degli ipertesi! Ennesimo e memorabile regalo alle lobbies del farmaco durante il recentissimo congresso dell’American Heart Association.
La pubblicazione delle nuove linee è avvenuta quasi in contemporanea su Hypertension e Journal of the American College of Cardiology.

Rispetto all’ultima edizione del 2003 del JNC scompare la categoria «pre-ipertensione», precedentemente indicata da valori di 120-139 mmHg per la sistolica e 80-89 mmHg e il livello di «normalità» non è più 140/90 ma addirittura 120/80.
Non tremano solo i polsi col battito arterioso, ma è tutto il mondo a tremare. Della serie tutti i pre-ipertensivi, cioè quelli col piede sull’ipertensione sono diventati di punto in bianco malati a tutti gli effetti.
Malati naturalmente da curare con le droghe.

Hanno già fatto dei conti: con il nuovo «valore di normalità» la schiera degli ipertesi schizzerà in su di un 14%, portando gli interessati solo negli States dal 32% al 46% della popolazione.
A triplicare saranno soprattutto gli ipertesi sotto i 45 anni, mentre le donne in questa fascia d’età raddoppieranno “soltanto”...
Su una popolazione di 320 milioni circa 150 milioni sono malati. Le industrie godono.

LA NUOVA CLASSIFICAZIONE
Oggi la pressione è «normale» se risulta inferiore a 120 su 80 mmHg.

- pressione elevata: sistolica 120-129 mmHg e diastolica < a 80 mmHg.
- ipertensione di Stadio 1: sistolica 130-139 mmHg o diastolica 80-89 mmHg.
- ipertensione di Stadio 2: sistolica ≥ 140 mmHg o diastolica ≥ 90 mmHg.

La nuova classificazione è una vera e propria ecatombe che non riguarderà solo l’America ma tutto il mondo, perché i parametri del Comitato JNC7 vengono poi accolti dall’intera comunità scientifica globale e applicati in tutti i paesi, Italia compresa.
Quindi anche qui da noi assisteremo ad una epidemia di ipertensione in persone sanissime e senza alcun problema cardiovascolare.

CONFLITTO D' INTERESSI
I «valori di normalità» vengono decisi da gruppi di medici, ricercatori, professori ed esperti, detti panel, che si riuniscono in un simposio o un congresso.
Sulle spalle di questi medici grava una responsabilità enorme, e cioè la salute di miliardi di persone, visto che i colleghi di tutto il mondo si baseranno sui parametri decisi da loro.
Per cui sarebbe molto importante sapere se coloro che decideranno se siamo «sani» o «malati» abbiano o meno collegamenti con le industrie che producono farmaci. Purtroppo li hanno sempre.

Partiamo dal capo del panel: il dottor Aram V. Chobanian ha ricevuto finanziamenti da Bristol-Myers Squibb, Boehringer Ingelheim, Merck, Pfizer e Pharmacia. Inoltre è stato consulente per Abbott, AstraZeneca, Bristol-Myers Squibb, GlaxoSmithKline, Merck, Pfizer e Pharmacia.
Il dottor Barry L. Carter del Comitato NCJ 7 è stato un consulente di Brystol-Meyer Squibb.
Il dottor William C. Cushman ha ricevuto finanziamenti da Astra-Zeneca, Merck, Pfizer, Aventis, dalla GlaxoSmithKline e Boehringer Ingelheim, e ha fatto da consulente per Bristol-Myers Squibb, Sanofi, GlaxoSmithKline, Novartis, Pfizer, Solvay, Pharmacia, Takeda.
Il dott. Joseph L. Izzo del Comitato Esecutivo è stato relatore di Boehringer-Ingelheim, Merck, Pfizer, Astra-Zeneca, Solvay, Novartis, Forest e Sankyo. Ha ricevuto finanziamenti da Boehringer-Ingelheim, Merck, Astra-Zeneca, Novartis, GlaxoSmithKline, ed è stato consulente per Merck, Astra-Zeneca, Novartis.
Altri due medici del Comitato Esecutivo, i dottori Daniel W. Jones e Barry J. Materson, figurano intrallazzati con le industrie. Il primo ha fatto il consulente per Pfizer, Bristol-Myers Squibb, Merck e Novartis, il secondo per Merck, GlaxoSmithKline, Novartis, Bristol-Myers Squibb, Pfizer, Pharmacia, Boehringer-Ingelheim e Solvay.
Anche la dottoressa Suzanne Oparil, sempre del Comitato Esecutivo, ha ricevuto finanziamenti da Abbott Laboratories, Astra-Zeneca, Aventis, Boehringer-Ingelheim, Bristol-Myers Squibb, Eli Lilly, GlaxoSmithKline, Novartis, Merck, Pfizer, Sanofi, GD Searle, Wyeth-Ayerst, Solvay. E’ stata consulente di Bristol-Myers Squibb, Merck, Pfizer, Sanofi, Novartis e WyethAyerst e tra le altre cose figura anche nel Consiglio di Amministrazione della Texas Biotechnology Corporation.
Il dottor James R. Sowers ha ricevuto finanziamenti da Novartis e Astra-Zeneca, mentre il medico Jackson T. Wright ha ricevuto onorari come relatore da Aventis, Bayer, Bristol-Myers Squibb, Merck, Norvartis, Pfizer, GlaxoSmithKline e Solvay e finanziamenti direttamente da Aventis, Bayer, Bristol-Myers Squibb, Merck, Norvartis, Pfizer, GlaxoSmithKline e Solvay. Puntualmente, come sempre accade, una buona parte degli esperti che decidono vita e morte delle persone non risultano scevri da conflitti di interessi economici e finanziari con le industrie che vendono farmaci!

I colleghi in camice bianco questo non lo sanno, e se anche lo sapessero lo ignorerebbero in automatico perché oggi non è permesso mettere in discussione il paradigma della Scienza ufficiale, quella «basata sull’evidenza», cioè quella fagocitata e controllata dalle lobbies.
Uno lo fa a proprio rischio e pericolo, perché verrà escluso dal Sistema oppure radiato.

L’altro grosso problema è il popolo-gregge.
Purtroppo la maggior parte delle persone prende per oro colato quello che simili Comitati decidono, anche perché è stato inoculato dentro l’inconscio collettivo che la prevenzione è fare esami diagnostici da mattina a sera (i cui parametri sono decisi da loro e sono sempre in ribasso).
Il risultato di questa diabolica strategia di marketing è che le persone saranno convinte di essere malate, anche quando non lo sono!
Attualmente centinaia di milioni di persone sanissime stanno prendendo farmaci tossici e pericolosi perché convinti dal Sistema (e dagli esami diagnostici che questo mette a disposizione) di essere ammalate.
Una volta lo schiavo aveva la catena al piede o era rinchiuso in una gabbia, ed era consapevole della propria condizione. Oggi le persone respirano e trasudano paura da ogni cellula, immersi tra esami, screening e visite mediche.
Moderni schiavi che non sanno di esserlo perché la catena e le sbarre sono nella loro mente.

Anagrammando e contestualizzando il grandissimo Goethe: il miglior suddito per il Sistema è lo schiavo che pensa di essere libero, mentre per l’industria farmaceutica il miglior cliente è il sano che pensa di essere ammalato…

Per maggiori informazioni sulla strategia di marketing che crea milioni di malati ogni anno, si rimanda al libro: “La fabbrica dei malati”.

https://www.fedaiisf.it/per-vendere-i-farmaci-inventiamoci…/

http://www.ilgiornale.it/…/premi-denaro-ai-medici-che-fanno…

https://www.blitzquotidiano.it/…/colesterolo-soglia-sicur…/…

http://www.sanita24.ilsole24ore.com/…/sani-mirino-cure-1229…

https://escogitur.wordpress.com/…/il-tasso-di-mortalita-in…/

https://www.telegraph.co.uk/…/high-cholesterol-does-not-c…/…

https://realfarmacy.com/statin-scam-cholesterol/…

https://it.wikipedia.org/wiki/Cerivastatina…

L'effetto dei farmaci antinfiammatori non steroidei sulla pressione sanguigna nei pazienti trattati con diversi farmaci antipertensivi. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12556654…

https://www.facebook.com/…/a.49404693727…/1028244530523100/…




http://altrarealta.blogspot.it/

mercoledì 6 febbraio 2019

Il Piano B per un’Italia fuori dall’Euro, in diretta streaming su Byoblu. Diffondi il contagio.



Malvezzi, Rinaldi, Dragoni: tre voci formidabili per discutere “La città che vogliamo, l’Europa che vogliamo, e la moneta che ci serve”. In diretta da Vicenza, domani, mercoledì 6 febbraio 2019, alle 20:30, Byoblu presenta il convegno promosso da Win The Bank, dove si parlerà di moneta complementare (minibot), di banche e impresa, e di un’idea diversa di Europa.

L’informazione nei telegiornali e nelle televisioni imperversa con la cantilena del “più Europa”, ma ormai è indubbio che le Istituzioni europee hanno fallito e a certificarlo sono proprio i timidi mea culpa dei loro rappresentanti. Qual è, a questo punto, la situazione reale dell’economia italiana? Esistono degli strumenti per stimolare nuovamente la propensione al consumo e all’investimento?

Valerio Malvezzi, co-fondatore di Win The Bank e consulente di società partecipate pubbliche in tema di credito e aiuti alle imprese, tratterà il tema del rapporto tra banche e imprese nel futuro italiano prossimo venturo. La sua lettera-manifesto sulla necessità di fondare una Nuova Economia Umanistica ha raccolto già oltre 5 mila firme in pochi giorni, su Byoblu (qui per guardare il video e per firmare, se ancora non lo hai fatto: https://it.surveymonkey.com/r/ManifestoEconomiaUmanistica).

Antonio Maria Rinaldi, docente di Politica Economica presso la Link Campus University di Roma, scrittore e colonna portante del blog Scenari Economici, presenterà una proposta operativa per il consolidamento del debito pubblico italiano: il famoso “piano B”, da implementare in caso di crash nell’eurozona.

Fabio Dragoni, imprenditore e manager, salirà sul palco per parlare di moneta complementare pubblica per il Comune di Vicenza, con esempi di applicazione pratica ed immediata.

Sarà importante essere in molti, sia a Vicenza che in collegamento streaming su Byoblu. Annota e diffondi questo link: https://www.byoblu.com/2019/02/06/il-piano-b-per-unitalia-fuori-dalleuro-in-diretta-streaming-su-byoblu-diffondi-il-contagio/

http://altrarealta.blogspot.it/

venerdì 1 febbraio 2019

CHI HA TRADITO DEVE ESSERE PROCESSATO ED INCARCERATO

Per non dimenticare

Queste sono state le persone che hanno distrutto lo Stato italiano.
Monti, Prodi, Ciampi, Draghi, Padoa Schioppa, D'Alema
Queste persone che hanno tradito il popolo Italiano devono essere processati e incarcerati

“Ma cosa crede, la plebaglia europea: che l’euro l’abbiamo creato per la loro felicità?”

A primo acchito potrebbe sembrare banale dietrologia, o semplice complottismo, ma oltre ad esserci i dati, anche gli stessi esecutori di questi crimini contro l’umanità confermano le accuse a loro carico. Lo stesso Mario Monti durante una conferenza stampa alla Luiss il 22 febbraio 2011, dichiarò: “Non dobbiamo sorprenderci che l’Europa abbia bisogno di crisi e di gravi crisi per fare passi avanti, I passi avanti dell’Europa sono per definizione CESSIONE DI PARTI DI SOVRANITA’ NAZIONALE A UN LIVELLO COMUNITARIO. E’ chiaro che il potere politico, ma anche il senso di appartenenza dei cittadini a una collettività nazionale, possono essere pronti a queste cessioni solo quando il costo politico e psicologico del non farle diventa superiore al costo del farle, perché c’è una crisi in atto visibile e conclamata. Abbiamo bisogno delle crisi come il G20, come gli altri consensi internazionali, per fare passi avanti; ma quando una crisi sparisce, rimane un sedimento, perché si sono messe in opere istituzioni, legge etc; per cui non è pienamente irreversibile.”


Oppure personaggi come Jacques Attali, banchiere economista e tra i principali esponenti del fondamentalismo eurocratico, il quale dichiarò a chiari lettere: “Ma cosa crede, la plebaglia europea: che l’euro l’abbiamo creato per la loro felicità?”

Siamo in mano a fanatici dall’alto profilo accademico, che grazie alle nuovi armi astratte del tecnicismo stanno portando le persone a dover sopravvivere in uno stato di esasperata precarietà, al punto di dover scegliere tra disperazione e suicidio.

http://altrarealta.blogspot.it/

La televisione è il cancro dello spirito che diffonde anti-umanità






A cura di: Chiara Del Fiacco


Dagli archivi della rivista Éléments, n.12, settembre/novembre 1975, estratto dell’intervista al drammaturgo Jean Anouilh, contro la televisione.


Quale è il vostro giudizio sulla cultura contemporanea e sulla società occidentale?


«La cultura e la società occidentale somigliano a un treno uscito dai binari.


Deragliamento completo, disastroso, tragico, angosciante. Non dispero che le direttrici siano un giorno ristabilite, con dei migliori macchinisti e una locomotiva più potente…

La società e la cultura sono state corrotte e avvelenate dai ratti, usciti dalle loro fogne e penetrati nelle nostre case attraverso i canali della televisione: il cancro dello spirito.


La televisione è diventata lo strumento di corrosione e lavaggio del cervello più sottile e rapido per le nuove generazioni. Diffonde quotidianamente la falsa cultura della menzogna, la falsa verità storica, l’anti-umanità. Lo spettatore è seduto passivamente con la bocca spalancata, come dal dentista, con la sola differenza che dal dentista si va per curare una carie, mentre i famelici personaggi televisivi, metà uomini, metà donne, copie conformi dell’anti-uomo (l’uomo delle caverne), propagano la carie dei cervelli.

Guardate i bambini di oggi. Corrotti da genitori incoscienti e permissivi, e dalla televisione, non hanno più alcuna immaginazione, alcuna poesia, alcuna fantasia. Non sanno più giocare, né sorridere. Non hanno ancora messo tutti i denti e sono già vecchi; quando li avranno tutti, nessuno gli avrà insegnato a mordere: mordere non è più di moda, oggi si lecca.

E quando arriverà l’invasore – ce n’è sempre uno nella storia del mondo-, sarà troppo tardi. Gli uomini di domani, usciti dai bambini di oggi, fatti dalla televisione, gli potranno solamente leccare i piedi!».


Fonte articolo


via -https://whitewolfrevolution.blogspot.com/2019/01/la-televisione-e-il-cancro-dello.html


https://compressamente.blogspot.com/2019/01/la-televisione-e-il-cancro-dello.html


http://altrarealta.blogspot.it/