sabato 23 agosto 2014

AIDS: Ignoranza e’ conoscere solo la versione ufficiale.

Ignoranza e’ conoscere solo la versione ufficiale. Questa ignoranza
causa malattie, sofferenze, guerre, fame, ingiustizie, miserie,
morte, distruzione, ossia tutti i mali del mondo.
Questo libro porta il lettore a conoscenza di fatti che documentano
per l’ennesima volta quali raggiri e falsità ci vengono dagli Organi
Ufficiali circa la storia sull’AIDS, ossia sulla teoria che il virus HIV sia
la causa dell’AIDS. Questa teoria è stata smontata dagli scienziati
più autorevoli del mondo, ma essa continua ad esistere perché la
verità portata da questi scienziati viene osteggiata dalle multinazionali
chimico-farmaceutiche. Pertanto le notizie relative a questa verità
non riescono ad arrivare al grande pubblico perché informazione
e mass media sono sotto controllo: circa il 90% delle informazioni
sono controllate dai partiti ed i partiti sono controllati dalle multinazionali
del farmaco e della ricerca scientifica.
Questo libro riporta inoltre testimonianze di persone malate di
svariate malattie non dovute al “truffaldino virus”, malattie che invece
erano state attribuite loro come “AIDS” attraverso gli attuali, ufficiali
e falsi test sul virus HIV, e felicemente guarite perché uscite
fuori dal tunnel della speculazione sull’AIDS ossia sul falso virus HIV

che in reltà non esiste, non essendo mai stato isolato dagli scopritori
ufficiali del virus HIV, ossia nè da Robert Gallo nè da Luc Montagnier
nè da nessun altro ricercatore; svela quindi la grande truffa che vi è
dietro l’AIDS e dietro il mondo della ricerca scientifica. Vi sono riportate
anche le affermazioni di illustri scienziati, come il Dott. Stefan
Lanka, il dott. Peter Duesberg, Premi Nobel come Kary Mullis e molti
altri medici, ricercatori e scienziati che hanno scientificamente invalidato
la teoria HIV = AIDS, invalidando così le false notizie fornite
dalla Mafia della Sanità.
Per non morire di ignoranza, leggiamo e fate leggere a più persone
possibili questa preziosa dispensa.

“L’IMBROGLIO AIDS”
INTERVISTA AL DOTT. LANKA

Sig. Lanka, in qualità di virologo e biologo si sta attualmente
impegnando, e con successo, nel dimostrare che
l’“HIV” in realtà non esiste. Cosa ritiene dire con questo?

STEFAN LANKA: La prego, io non ritengo. Io documento e dimostro
scientificamente e non ritengo, come i sostenitori delle opinioni
ufficiali, che l’“HIV” esista, che questo provochi l’“AIDS” e che
conduca alla morte. I cosiddetti esperti-“AIDS” capovolgono la verità
medico-storica e destano l’impressione che gravi malattie senza una
causa riconoscibile possano comparire in pazienti del tutto sani. In
realtà, per quanto riguarda gli ammalati, si tratta di pazienti che in
quasi tutti i casi dovevano lottare contro danni antecedenti. Parlo di
intossicazioni epatiche, dunque in primo luogo di epatite. E tutte
queste persone sono state trattate con dosi massicce di antibiotici.
Questo ha diminuito la produzione energetica corporea e distrutto
l’immunità. Il presunto antibiotico miracoloso Bactrim contiene addirittura
una sostanza che distrugge in maniera privilegiata le cellule
immunitarie.

estratti dall' ebook;

E il test dell’AIDS?
Si sa ora che circa 50 malattie (epatite, reumatismo, lupus, influenza,
vaccinazioni, ecc.) possono indurre l’esito positivo nel cosiddetto
test dell’“AIDS”. Inoltre il test non mostra “si” o “no”, ma “molto”
o “poco”. Esso mostra quello che in linguaggio tecnico viene chiamato
autoimmunità. L’aspetto scandaloso è che nei cosiddetti ambienti
specialistici è già da lungo tempo noto che questi test
dell’AIDS non hanno mai funzionato e che decine di migliaia di positivi
candidati alla morte sono stati lasciati alla certezza di non avere
più scampo. Solo quando albumine e sostanza genetica che distinguono
un virus verranno identificati in modo chiaro, si potrà a ragione
parlare di un nuovo virus. Nel caso dell’“HIV” queste prove non
sono state sinora prodotte. Non è mai stata pubblicata una foto di
una particella isolata di HIV.

Ma perché questi pazienti muoiono nonostante tutto di
una malattia che secondo la sua opinione non esiste?
Il modello ufficiale del sistema immunitario è errato. Il compito
principale di questo sistema è quello del riciclaggio giornaliero. Nella
certezza di avere una malattia mortale, il corpo produce ormoni dello
stress, ed il riciclaggio di cellule e tessuti morti non funziona più.
Così avviene quanto segue: a differenza di quanto previsto dal modello
ufficiale di “AIDS”, non sono agenti patogeni opportunisti, ma
infezioni micotiche che, come tutti sappiamo, possono crescere sul
materiale morto nel corpo. Qui vengono liberate molte albumine e
prodotti anticorpi contro di esse, principalmente contro albumine
della struttura cellulare di sostegno delle cellule, e questa maggiore
concentrazione degli anticorpi contro queste albumine viene arbitrariamente
definita come positivo nel cosiddetto test dell’“AIDS”. Quello
che succede dopo è sufficientemente noto.

Dott Lanka

“Ma qual è la dimostrazione che l’Hiv non è la causa
dell’Aids?”
“Ma non devo dimostrare io che non è la causa. Qualcun altro
deve dimostrare che lo è. Mi dica: a chi attribuisce la nozione che
l’Hiv è la probabile causa dell’Aids? A chi dà credito per questa affermazìone?
A quale studio? Glielo dico io: nessuno. Non esiste. Non ho
mai trovato niente nella letteratura scientifica che lo indicasse. Se
dovessi scrivere un saggio e iniziassi con l’affermazione che l’Hiv
causa l’Aids, e volessi citare la fonte, a chi farei riferimento? Qualcuno
deve averlo pur detto, giusto? E invece no, non l’ha mai detto
nessuno. Non esistono  studi seri, diciamo, che indichino l’Hiv
come causa probabile dell’Aids. Tutto quello che puoi citare sono i
rapporti dell’84 dei Cdc, che non provano nulla; speculazioni, ipotesi.
Roba da distribuire ai giornali, o a Margaret Heekler. Bob Gallo ha
scritto un libro, ma provi a cercare in quel libro la prova che l’Hiv
causa l’Aids.”
Assolutamente nessuna?”
“È una di quelle cose così assurde che è difficile convincersi di quanto
sia assurda.” [...]
“Cosa penso dei Cdc? Che sono una manica di stronzi assoluti, e
la cosa migliore sarebbe buttarli a mare ed affogarli. Staremmo molto
meglio senza di loro. Tutta quella spazzatura nelle loro piccole
brochures da scuola elementare, cose come il sesso sicuro e roba del
genere, è solo merda. Spazzatura che impedisce di vedere le cose
come stanno. Probabilmente, un giorno proverò compassione per
quei poveri rottinculo. Ma non adesso. Adesso penso che staremmo
molto meglio se non ci fossero.” ...
“Immagino che sia abbastanza inutile chiederle cosa pensa
dei preservativo.”
“Mi può chiedere quello che vuole. Pensa che il preservativo la
protegga dal raffreddore?”

Kary B. Mullis, premio Nobel per la Chimica 1993,
per la scoperta della PCR


“In qualità di scienziato dopo 16 anni di studio sull’AIDS mi sono
reso conto che questa malattia non aveva molto a che fare con la
scienza. L’AIDS è un fenomeno sociologico costruito dalla paura.
Questo ha creato una sorte di Maccartismo che ha fatto crollare tutte
le regole di scienza per imporre un miscuglio di credenze pseudoscientifiche
ad un fragile pubblico.”

dr. David Rasnick

Per il mantenimento di una buona funzione
immunitaria sono molto importanti i fattori psicologici. Se indebolite
psicologicamente qualcuno dicendogli che sta per morire, sono le
vostre parole a condannarlo.”

Luc Montagnier, professore

“Reazioni incrociate con anticorpi che non sono specifici del virus
HIV si sono verificate nel caso dell’influenza, dell’herpes, dell’epatite
B, dei batteri della tubercolosi, della lebbra, di vaccinazioni contro
l’influenza e l’epatite B, di gravidanza presente o di gravidanza passata,
o di trasfusioni sanguigne di emofilia e di condizioni associate
ad un terreno molto ossidato in rapporto al consumo di droghe oppure
disordini immunitari come il lupus, l’artrite reumatoide, il mieloma
multiplo. Si riscontrano ugualmente dei tests falsamente positivi
nel caso di epatite alcolica, di alcolismo e di malattie del fegato
oppure ancora di anticorpi contro degli antigeni nucleari, e dei parassiti
diversi. Il test può anche risultare positivo in presenza della
malaria, di malnutrizione e di molte altre condizioni.”

Christine Johnson

http://altrarealta.blogspot.it/






















ebook gratis da scaricare
http://laviadiuscita.net/ebook-il-virus-hiv-non-esiste/





Nessun commento:

Posta un commento