lunedì 4 novembre 2013

RIVOLUZIONE SI PARTE. SEI STANCO DEI SOPRUSI? ALLORA LEGGI, CONDIVIDI E AGISCI.

«Il 9 dicembre bloccheremo l’Italia». I gruppi del centro-nord Italia assieme ai Forconi.

Cerea (VERONA) - 2 novembre 2013



Aggiungi didascalia










































A Cerea di Verona, nella giornata di sabato 3 novembre, si sono incontrati i rappresentanti di gruppi e movimenti che han scelto di dire basta con le chiacchiere, le lamentele e le petizioni: vogliono passare all’azione.La data e il giorno sono stati decisi, la "dichiarazione di guerra" ad uno stato nemico del suo popolo, è stata consegnata.
"Dopo decine di incontri su tutto il territorio nazionale, ci siamo nuovamente ritrovati – raccontano i membri del coordinamento fra cui Mariano Ferro, leader dei Forconi, Danilo Calvani del Comitato Riunito Agricoltori e altri – per perfezionare e allargare un coordinamento che farà partire la ribellione".
Dopo l’esperienza fatta dai vari gruppi eviteremo di ricadere in alcuni errori di inesperienza commessi. Siamo giunti, PURTROPPO, alla conclusione che la rivolta è l’unica strada percorribile, non c’è altra alternativa”.
Rivolta? In che senso? “Il 9 dicembre prossimo bloccheremo l’Italia a oltranza, dalla Sicilia fin su a Pordenone”. Dalle Alpi alla piramidi.
Bloccare le strade potrebbe creare qualche disagio alla popolazione, ma è l’unica arma che abbiamo. Sebbene questa volta faremo di più.
Nel dettaglio dell’azione che porteremo a termine ci stiamo ragionando, ne daremo notizia nei giorni prossimi. Ci diranno che non è legale? Beh, quello che sta facendo lo Stato italiano a tutti noi è legale?
Qui c’è gente che si uccide, non ce la fa ad andare avanti, gli viene pignorata la casa dopo 50 anni di lavoro, viene massacrata di tasse, è regolare tutto questo”?
Si sta lavorando ad un volantino, che sarà divulgato ufficialmente appena sarà pronto. Il coordinamento, già esistente da mesi e comunque allargabile ai gruppi che si uniranno, avrà un responsabile che si occuperà di comunicazione.
Già oggi, però, le idee sono chiarissime: “Noi contiamo sul sostegno della gente, di chi lavora e produce, studia, della gente comune, di chi non ce la fa più per mille motivi legati alle pretese di questo Stato vergognoso, di questo modello di Europa burocratica. Il 9 dicembre sarà solo l’inizio e non si tornerà più indietro”.
E quali sono le vostre richieste, cosa volete? Cosa direte a chi il 9 dicembre vi si presenterà scortato dalle Forze dell’ordine? “Lo diremo solo quando saranno in ginocchio: non iniziamo questa rivolta per ottenere un tozzo di pane.
Mancano 35 giorni alla data prescelta, il coordinamento si allargherà anche ad altri soggetti, rigorosamente apartitici, nessuna bandiera di forze politiche o sindacato è ammessa.
Questo paese così com’è non va. Adesso, la pazienza è finita, finita”.
Ora è giunto il momento che ci si coordini tutti assieme e coloro che vogliono contribuire attivamente sono invitati a contattarci. Su Facebook e internet ci sono molti siti, gruppi e pagine che appoggiano ciò che sta accadendo, visto che internet e i social network sono alcuni dei principali strumenti con cui si rimane in contatto.
Si segnala un gruppo a puro titolo di riferimento, perché non sarebbe possibile elencarli tutti.:

https://www.facebook.com/groups/485449791508534/?fref=ts

Un grande ringraziamento va agli amici di AZIONE RURALE di CEREA per il grande impegno profuso, a Giorgio Bissoli per la costanza e l'ottima accoglienza riservata a tutti i gruppi e movimenti.
E un grande e immenso grazie va a tutti gli italiani che da sempre e contro "OGNI OSTACOLO" ci hanno sempre creduto, continuando a lottare anche contro i "mulini a vento " pur di dare una svolta a questo nostro martoriato paese.
N.B. IL coordinamento nazionale è e resta aperto a tutti quelli che solo ora stanno apprendendo questa notizia, invitando a contattarci.
E diamo l'arrivederci a tutti citando le parole del Presidente Pertini, forse il più grande e certamente il più amato Presidente della Repubblica che l'Italia abbia avuto:
quando un governo non fa ciò che vuole il popolo, va cacciato anche con le mazze e con le pietre.

ALCUNI MEMBRI E GRUPPI DEL COORDINAMENTO SONO:

Lucio Chiavegato, presidente Life; Mariano Ferro, Presidente de “I Forconi” (Sicilia); Giorgio Bissoli, Azione rurale; Augusto Zaccardelli, Segr. naz. Movimento autonomo trasportatori (Frosinone); Umberto Gobbi, NVPP (Non vogliamo più pagare); Eugenio Rigodanzo, Cobas latte veneto; Franco Paoletti, Cobas latte di Pordenone; Danilo Calvani, Presidente del Comitato Riunito Agricoltori e Dignita sociale (Lazio), Salvatore Bella, presidente Aitras Ass. Naz. trasporti (Campobello di Licata AG).

http://frontediliberazionedaibanchieri.it/
http://altrarealta.blogspot.it/

1 commento:

  1. uhm, entrerei si in guerra con questi ma hanno già fatto un errore madornale! Per quel giorno ci saranno agenti infiltrati che fomenteranno la sommossa?
    Potrebbe essere si, Io l'idea fenomenale ce l'avrei, ma non ne parlo in rete e nemmeno con questi, io sono vissuto in quelle zone per 30 anni e la gente che ci vive è solo che stupida
    E UNA VITA CHE IL VENETO LAVORA E PAGA PER TUTTA ITALIA, cosa vuoi fare oggi in un paese con tassazione maggiore al mondo e assenza di reddito?
    La guerra tra miserabili fai ... probabilmente si.
    Poco fiducioso e ho tutti i miei buoni motivi

    RispondiElimina