giovedì 10 gennaio 2013

L'ANALFABETA POLITICO

L’analfabeta politico

Il peggiore analfabeta

è l’analfabeta politico.

Egli non sente, non parla,

né s’importa degli avvenimenti politici.



Egli non sa che il costo della vita,

il prezzo dei fagioli, del pesce, della farina,

dell’affitto, delle scarpe e delle medicine

dipendono dalle decisioni politiche.



L’analfabeta politico è così somaro

che si vanta e si gonfia il petto

dicendo che odia la politica.



Non sa l’imbecille che dalla sua

ignoranza politica nascono la prostituta,

il bambino abbandonato,

e il peggiore di tutti i banditi,

il cattivo politico,

corrotto e leccapiedi delle imprese nazionali e multinazionali.



Bertolt Brecht, poeta e drammaturgo (1898-1956)





In questa poesia Bertolt Brecht esprime magnificamente un concetto che già Aristotele aveva sintetizzato nell’espressionezoon politikon, ossia l’uomo è un “animale politico”. L’essere umano che si sente davvero tale non può infatti non interessarsi alla politica. Non è una questione di gusti o inclinazioni, come crede – e si giustifica – il volgo di oggi, bensì di decidere se oltrepassare o meno quell’invisibile ma netta linea che separa il suddito dal cittadino.

Interessarsi d’informatica o imparare a guidare la macchina non possono rappresentare questioni legate a preferenze personali, bensì necessità irrinunciabili… se si vuole vivere una vita normale. Il medesimo discorso deve essere fatto per la politica. Eppure tanti – e sempre di più – s’illudono di potersene disinteressare senza conseguenze sia personali che sociali.

Ciò che sta accadendo in Italia non può lasciarci indifferenti e nessuno ha il diritto di considerarsi escluso dalla politica, perché l’applicazione di questo suo fantomatico diritto va a ledere la libertà di tutti gli altri.

Salvatore Brizzi
DESIDERANTES MELIOREM PATRIAM

Le sere di Giovedì 10 a MILANO e Venerdì 11 a BRESCIA
Armando Siri e io terremo due conferenze aperte al pubblico orientate alla raccolta firme per la presentazione delle liste elettorali del PIN. A Milano l’appuntamento è all’Hotel Ibis in via Finocchiaro Aprile 2. A Brescia l’appuntamento è alla Libreria Il Velo di Maya, in via Rodi 73. Dalle 20:30 alle 22:00.Dalle 15:00 alle 19:00 del 09 – 10 – 11 a BERGAMO
in via XX Settembre 115, in Galleria Mazzoleni, al Primo Piano Caffè ci sarà la raccolta firme per la circoscrizione di Bergamo. Nel pomeriggio di Venerdì 11 ci saranno anche Armando Siri e Salvatore Brizzi a presiedere la raccolta firme.


Sabato 12 e domenica 13
presso la Libreria Esoterica di Milano, dalle 14:00 in poi, due volontari si occuperanno di raccogliere le firme per consentire al PIN di presentarsi alle regionali della Lombardia. Potete anche non votare per il partito, ma firmare le liste elettorali per consentirgli almeno di partecipare alle elezioni, è un gesto di grande senso civico.

2 commenti: