martedì 7 agosto 2018

Germania: Migrante nigeriano decapita figlia di un anno. Merkel reprime i blogger che danno la notizia.

(Le Oligarchie, per salvare il  loro  “multiculturalismo” impongono la censura, la repressione della  libertà, e la persecuzione di chi informa)

Il governo pro-migrante di Angela Merkel ha vietato ai media tedeschi di denunciare un crimine barbarico che coinvolge un migrante musulmano che presumibilmente avrebbe decapitato la figlia di un anno su una piattaforma di una stazione ferroviaria ad Amburgo.

Secondo i testimoni oculari, il sospetto 33enne, Mourtala Madou, ha decapitato la figlia di un anno di fronte a una folla inorridita di pendolari alla stazione di Jungfernstieg, giovedì 12 aprile, e poi ha pugnalato la sua fidanzata tedesca, la madre della bambina.
Il sospetto presumibilmente ha pugnalato la bambina da dietro, mentre era seduta nel suo passeggino, e poi le ha reciso il collo. Ha poi pugnalato sua moglie nel petto prima di fuggire dalla scena, scaricando l’arma del delitto in un bidone della spazzatura della stazione ferroviaria. Successivamente è stato arrestato

 IL VIDEO ORIGINALE – ATTENZIONE IL VIDEO CONTIENE IMMAGINI FORTI ED ESPLICITE
La donna, madre di altri quattro figli, è morta in ospedale per le ferite riportate.
Il video è stato caricato su internet e mostra le conseguenze del brutale e insensato doppio omicidio che è stato descritto come “molto preso di mira” dal portavoce della polizia Timo Zill e da un “omicidio” da parte di testimoni. I corpi delle vittime possono essere visti nel video ma non nei loro volti. I testimoni oculari possono essere sentiti dire che il sospetto ha tagliato i bambini a testa bassa.
Il cantante gospelian gospelian che ha catturato il filmato sul suo cellulare può essere sentito dire ” Oh mio Dio. È incredibile. Dio mio. È incredibile. Oh Gesù, oh Gesù. oh Gesù. Hanno tagliato la testa del bambino. Hanno tagliato la testa del bambino. Dio mio. Oh Gesù. 
Ai media tedeschi è stato permesso dal governo di riferire sull’omicidio della madre , ma il governo pro-migrante di Angela Merkel ha vietato ai media tedeschi di riferire sul bambino decapitato.
Alle autorità tedesche è stato anche ordinato di reprimere i blogger indipendenti che hanno condiviso il film dannoso.
Quando il blogger di Amburgo Heinrich Kordewiner ha pubblicato il video su Facebook e il suo canale YouTube, è stata avviata un’indagine della polizia. L’appartamento di Kordewiner è stato perquisito dalla polizia e le sue proprietà personali sono state confiscate. Kordewiner dice che lui e il suo compagno di stanza sono stati svegliati alle 6:45 da una squadra di pubblici ministeri e agenti di polizia in cerca di accesso alla loro casa. Quando gli è stato negato, hanno forzatamente ottenuto l’accesso perforando la serratura della porta.
Il decapitatore
Al cantante gospel cristiano che ha registrato il video sul suo cellulare, Merkel ha anche fatto sequestrare la sua casa e sequestrare oggetti personali. La polizia dichiara di operare con l’ordine di confiscare il materiale al fine di proteggere i diritti delle vittime.

Fonte
https://www.maurizioblondet.it/germania-migrante-nigeriano-decapita-bimba-di-un-anno-merkel-reprime-i-blogger-che-danno-la-notizia/
http://altrarealta.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento