martedì 31 dicembre 2013

“L’Italia fra 10 anni non esisterà più” COME FINIRE NELLA POLVERE DELLE MISERIA


Alcuni studiosi londinessi affermano: “L’Italia fra 10 anni non esisterà più”



Secondo la London School of Economics, tra 10 anni l’Italia non esisterà più e rimarrà agli storici lo studio di come una nazione che era tra le otto potenze economiche mondiali a finire nella polvere della miseria. Il Belpaese Paese è riuscito a passare da una condizione di nazione prospera e leader industriale in soli vent’anni in una condizione di desertificazione economica, di incapacità di gestione demografica, di rampate terzomondializzazione, di caduta verticale della produzione culturale e di un completo caos politico istituzionale.

Così Roberto Orsi, italiano emigrato a Londra per lavorare presso la London School of Economics, prevede il prossimo futuro dell’Italia, spiega: “Il governo sa perfettamente che la situazione è insostenibile, ma per il momento è in grado soltanto di ricorrere ad un aumento estremamente miope al 22%, che deprime ulteriormente i consumi. Per tutta l’estate, i leader politici italiani e la stampa mainstream hanno martellato la popolazione con messaggi di una ripresa imminente. In effetti, non è impossibile per un’economia che ha perso circa l’8 % del suo PIL avere uno o più trimestri in territorio positivo. Chiamare un +0,3% di aumento annuo “ripresa” è una distorsione semantica, considerando il disastro economico degli ultimi cinque anni. Più corretto sarebbe parlare di una transizione da una grave recessione a una sorta di stagnazione”. Il termometro della caduta verticale dell’economia italiana è data dal crollo del settore manifatturiero, la vera spina dorsale del Made in Italy. “Il 15% del settore manifatturiero in Italia, prima della crisi il più grande in Europa dopo la Germania, è stato distrutto e circa 32.000 aziende sono scomparse. Questo dato da solo dimostra l’immensa quantità di danni irreparabili che il Paese subisce.



Questa situazione ha le sue radici nella cultura politica degradata dell’élite del Paese, che, negli ultimi decenni, ha negoziato e firmato numerosi accordi e trattati internazionali, senza mai considerare il reale interesse economico del Paese e senza alcuna pianificazione significativa del futuro della nazione. La leadership italiana non ha mai riconosciuto che l’apertura indiscriminata di prodotti industriali a basso costo dell’Asia avrebbe distrutto industrie una volta leader in Italia negli stessi settori. Ha firmato i trattati sull’Euro promettendo ai partner europei riforme mai attuate, ma impegnandosi in politiche di austerità. Ha firmato il regolamento di Dublino sui confini dell’UE sapendo perfettamente che l’Italia non è neanche lontanamente in grado di pattugliare e proteggere i suoi confini. Di conseguenza, l’Italia si è rinchiusa in una rete di strutture giuridiche che rendono la scomparsa completa della nazione certa”.

Ma di chi sono le principali responsabilità? Secondo Orsi “ Il Paese è stato essenzialmente governato da tecnocrati provenienti dall’ufficio del Presidente Repubblica, i burocrati di diversi ministeri chiave e la Banca d’Italia. Il loro compito è quello di garantire la stabilità in Italia nei confronti dell’UE e dei mercati finanziari a qualsiasi costo. Questo è stato finora raggiunto emarginando sia i partiti politici sia il Parlamento a livelli senza precedenti, e con un interventismo onnipresente e costituzionalmente discutibile del Presidente della Repubblica , che ha esteso i suoi poteri ben oltre i confini dell’ordine repubblicano. L’interventismo del Presidente è particolarmente evidente nella creazione del governo Monti e del governo Letta, che sono entrambi espressione diretta del Quirinale”. La grave crisi che attanaglia l’Italia, che si è fortemente aggravata sotto il governo Monti è proseguita da quello di Letta, che sta seguendo lo stesso percorso, in nome della stabilità. I tecnocrati sono i veri responsabili e garanti della scomparsa del’Italia.

Fonte: www.piovegovernoladro.altervista.org




http://altrarealta.blogspot.it/

1 commento:

  1. Bell'articolo. Però sulle responsabilità ci penserei un attimo. Non è che il presidente è solo un esecutore di poteri più forti, europei, e invece i responsabili sono altri, a iniziare dalla 'cabina di regia' che ha concepito a fine anni '80 questa europa? (Per sapere chi lo chiederei a Valdimir K. Bukowski, qualcunio dei suoi ultimi libri, lui ne sa certo qualcosa)

    RispondiElimina