giovedì 29 agosto 2019

CARO LUIGI ...

Caro Luigi, siamo giunti all'ultimo atto, si forma il governo con chi non volevi ma che ti e stato imposto.
Sei giunto casualmente in politica e ti sei ritrovato in una posizione insperata, ma motivi per restarci ne avevi, tu e tanti altri, un sogno meraviglioso, proteggere la povera gente dall'oppressione dei potenti. Certo tu non sapevi quanto fossero potenti, ma lo hai scoperto adesso, quando il massone Grillo quello che doveva salvare il mondo ti ha annunciato che la tua stagione e finita. Ti hanno imposto di passare le carte al nemico di sempre, quella compagine collosa che si e appiccicato ovunque invischiando nella disperazione la povera gente, parlo del PD.
Hai spinto per la collocazione di Conte che stai scoprendo averti tradito tanto quanto Salvini, l'essere più viscido che il Dio Soros ci ha dato, essere più odiato dagli italiani dopo Prodi, ma era tutto stabilito, lo aveva deciso la Merkel la nuova padrona del nostro paese.
Ma quello che non avevi pensato e che entrati quelli del pd ti avrebbero lasciato fuori dalla porta.
Si ti hanno scaricato, comunque vada anche con incarico di governo, sei null'altro che un soprammobile, un trofeo sulla scrivania di Renzi, ti hanno sostituito col leccatore della MerKel, devi ammettere che lui lecca meglio.
Non potevi farci nulla, opporti voleva dire andartene con un biglietto di sola andata e la prospettiva di governare un negozio di bibite.
Obbedire e tradire il popolo grillino invece ti permette di andartene via tra 4 anni con il gruzzoletto donatoti da chi si e già scordato di averti usato e gettato via.
Di Battista parla di opporsi ma lo inertizzeranno, scoprirà che le sue sono chiacchiere e il potere è di altri.
Paragone andrà ad appendere la sua delusione al chiodo così come altri, e scoprirete che col movimento rigenereranno il pd braccio occulto del potere, come nel calcio fecero col Chievo e il Verona.
Se può lenire la tua delusione sappi che sarà distrutto anche Salvini, non ha speranza, lo stritoleranno e scomparirà sotto i colpi di chi ha annullato il popolo italiano rovesciando le richieste popolari e consegnato il nostro paese a francia e germania rendendoci un feudo.
L'amaro che resterà ce lo addolciranno addebitandoci le spese, fino a farci dimenticare l'accaduto, magari impegnandoci in una crisi.
La storia si ripete, la scriveranno quelli del PD e i tuoi nipoti un giorno leggeranno che per fortuna c'era il PD altrimenti l'italia non sarebbe sopravvissuta.
Tranquillo non fartene un problema, era già scritto, a Berlino avevano deciso così, e anche il popolo non ne farà un dramma, e popolo italiano, e quindi non prenderà i palazzi del potere per capovolgerli e schiacciare la testa delle serpi, non possono farlo, perché quel giorno c'è la partita, e poi hanno la manicure.
Devo dire che e una dannazione, e da quando hanno unito l'Italia che ci raccontano che siamo un popolo, e non ci hanno detto che siamo in affitto in un paese di proprietà ieri inglese e oggi tedesco, ma mai degli italiani.
Con simpatia Anselmo Prode Visconti Venosta


http://altrarealta.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento