giovedì 23 giugno 2011

CHEMIO MALATTIA INCURABILE

“…Si può guarire dal Cancro, ma non dalla CHEMIO :
su CINQUANTA malati di Cancro, che decidono di curarsi
con la CHEMIO, soltanto UNO di loro sarà ancora vivo
dopo soli CINQUE anni dalla prima CHEMIO…”


Secondo l'autore del presente lavoro, l'impiego dell'Aloe arborescens e di altre vitamine
controindica totalmente qualsiasi impiego, anche limitato, della Chemio-Terapia, data l'ampia
dimostrazione, in letteratura medica, del suo fallimento in terapia anti-neoplastica (Tabella 2b).
Si ritiene pertanto che nessun paziente, se già sottoposto a CH.T, debba essere sottoposto alla lunga,
complessa e impegnativa multi-terapia descritta in questo lavoro, poiché l'impiego della Chemio-
Terapia toglie qualsiasi valenza curativa sia alla Immuno-Terapia (vedi cap.4), che alle altre forme
terapeutiche considerate in questo lavoro (Bio-Chemioterapia, Fito-Lisi terapia, etc..)
Ciò vale anche nel caso di Chemio-Terapia a basso dosaggio somministrata per bocca.

Il Giuramento d’Ippocrate fa espressamente divieto di somministrare “veleno” al paziente, anche se
richiesto dall’ammalato stesso (vedi Giuramento d’Ippocrate).
Qualsiasi forma di Chemio-Terapia causa un danno irreparabile alle condizioni fisiche di coloro che
si espongono all’azione di questi ”farmaci cito-tossici” che entrano nel circolo sanguigno tramite
iniezione e/o fleboclisi endovenosa (oppure per assorbimento indiretto dallo stomaco o dalla mucosa
intestinale).
Questo tipo di trattamento è quindi diverso dalla Chirurgia o dalla Radio-Terapia, che concentrano
invece i loro effetti su punti o aree specifici del corpo umano (terapie “mirate”).
Negli ospedali si fa ricorso alla Chemio-Terapia quando c’è la possibilità che le cellule tumorali
possano essere presenti in altre zone dell’organismo oltre alla sede del tumore primario. Ma
raramente la Chemio-Terapia garantisce un periodo di sopravvivenza di almeno 5 anni, indicato
impropriamente come ”periodo di cura”.
La Chemio-Terapia, in genere, arresta temporaneamente l’anomala crescita cellulare, oppure può
alleviare il dolore per qualche tempo, o allungare di poco il tempo di sopravvivenza.
Ciò vale anche nel caso di Chemio-Terapia a basso dosaggio somministrata per bocca: la
somministrazione orale di queste pastiglie ha delle gravissime conseguenze, poiché il sistema
immunitario a livello gastro-intestinale è il più sviluppato di tutti, dato il carico antigenico a cui
l'organismo viene esposto: la superficie cutanea è infatti soltanto di 2 metri quadrati, la superficie
polmonare è di 80 metri quadrati, mentre la superficie gastro-intestinale raggiunge i 300 metri
quadrati. Il sistema immunitario gastro-intestinale, essendo estremamente sviluppato, giustifica
l'azione di molte vitamine date per via orale allo scopo d'indurre una immuno-stimolazione
specifica o aspecifica verso particolari antigeni naturali presenti in alcune specie di piante (vedi
cap.9), ma spiega anche la sua estrema vulnerabilità alla stessa chemioterapia, poichè questa
conduce ad una graduale alterazione dei tessuti della mucosa intestinale (soprattutto del colon) a
causa della morte dei linfociti presenti nei linfonodi mesenterici, nelle Placche di Peyer, nella
Lamina propria. Questa alterazione determina non solo la graduale alterazione della funzionalità del
tessuto linfatico presente sulla mucosa intestinale, ma anche il graduale blocco delle strutture linfoimmunitarie
poste a distanza, con loro successivo esaurimento funzionale.
Vi è infine un’ultima considerazione in merito alla incompatibilità d’impiego della Chemio-Terapia
successiva o contemporanea alle terapie multi-vitaminiche e dietetiche descritte in questo libro: se
noi consideriamo il Cancro e tutti gli altri tipi di tumore come patologie che insorgono a causa di
una carenza multi-vitaminica, e la cui cura, descritta in questo libro, risulti essere pertanto costituita
sostanzialmente da un apporto costante e continuo di migliaia di vitamine (vedi anche cap. 1, 3, 5, 8
e 9), risulta pertanto illogico la somministrazione di sostanze anti-vitaminiche (che caratterizzano la
“chemio”): è come se il Cancro, visto come un “iceberg” di degenerazione cellulare nato, cresciuto
e sviluppatosi su un pabulum di acidosi, avitaminosi cronica e di intossicazione cronica del soggetto
in esame, potesse essere sconfitto da una semplice somministrazione ulteriore di sostanze tossiche e
anti-vitaminiche, soltanto perché capaci, queste ultime, di uccidere tutte le cellule in replicazione,
comprese anche quelle tumorali….
Raramente si può parlare di” remissione”: dati bibliografici (749,750, 1360-1364) riferiscono percentuali
di riuscita in meno dell’1% in caso di cancro del pancreas, del 3% in caso di cancro al fegato, del 7%
in caso di cancro dell’intestino…..

Nel 1986, sul British Medical Journal, Kearsley prendeva in considerazione il cancro in fase
avanzato del polmone, dell’intestino, della mammella, della prostata, della testa e del collo, della
vescica, quello endometriale e infine quello pancreatico, dimostrando già allora il sostanziale
fallimento di questo approccio terapeutico, essendo la Chemio-Terapia curativa solo nel 5,9% dei
casi su oltre 785.000 casi studiati, e nel 13% di tutti i casi di cancri (356.250) considerati “curabili
(206)[Kearsley J.H.: Cytotoxic chemotherapy for common adult malignancies: “the emperor’s new clothes” revisited,
British Medical Journal, Vol. 293, 1986, pp.: 871-876].
Esistono circa 60-70 farmaci citotossici in commercio in tutto il mondo.
Per l’Italia i nomi commerciali sono riportati in tabella 2a (elenco parziale): alcuni di questi veleni
causano meno problemi di altri come: insonnia, spossatezza, diarrea, alopecia, stomatite,
leucopenia, piastrinopenia, anemia, nausea, vomito…
Questi sono gli effetti collaterali immediati e conosciuti perchè visibilmente riscontrabili.
Ciò di cui raramente si parla sono gli effetti più gravi e più duraturi, le cui conseguenze deteriorano
profondamente la vita del paziente e il decorso stesso della sua malattia, rendendo inutili persino le
terapie basate sull’immuno-stimolazione dei linfociti Natural Killer, sull’attività apoptosica e
detossificante di estratti di piante mediche.
Questi danni profondi e irreversibili, di cui raramente si discute, sono i seguenti:
2) grave riduzione, stabile e duratura, del numero di particolari tipi e sottotipi di globuli bianchi,
indispensabili alla risposta immunitaria specifica contro il tumore.
2) mutazioni cellulari di tipo somatico, con comparsa di altri tumori secondari e/o metastasi
3) mutazioni cellulari di tipo germinale (testicoli oppure ovaie), con comparsa di sterilità, aborti o di
bimbi malformati in quei casi di genitore sopravvissuto alla Chemio-Terapia e al Cancro.
4) accelerazione della crescita del tumore, anzichè una sua riduzione, con comparsa di resistenza
crociata del tumore ad altri veleni (pompa glicoproteica di membrana).
La Chemio-Terapia è quindi controindicata in maniera assoluta in qualsiasi forma di associazione
alla Immuno-Terapia.
La Chemio-Terapia è infatti gravemente depletoria soprattutto nei confronti dei linfociti, di cui è
stata riconosciuta la buona capacità di identificazione e di distruzione di masse tumorali mediante
Immuno-Terapia specifica anti-neoplastica (vedi capitolo 4).
Si può infatti affermare, secondo l'autore del presente lavoro, che saranno solo e soltanto le difese
immunitarie del paziente stesso a risolvere la patologia neoplastica, portandolo così ad una
completa guarigione dal Cancro.
La Chirurgia e la Radio-Terapia devono essere considerate soltanto come tecniche o metodiche
d'appoggio capaci di eliminare una certa quota della massa tumorale primitiva e delle sue metastasi,
fermo restando che nessuna di queste due componenti deve essere considerata causa di guarigione
finale del paziente dal tumore: l'eventuale ed effettiva guarigione del paziente dal proprio tumore
dipenderà solo e soltanto dalla capacità delle difese immunitarie di riconoscere e distruggere in
maniera selettiva e radicale il tumore stesso L’Immuno-Terapia nega pertanto alla Chemio-Terapia
qualsiasi valenza curativa e di guarigione nei confronti del tumore.
Si può pertanto affermare che è stato già dimostrato in letteratura medica il fallimento sostanziale
della Chemio-Terapia per quasi tutte le forme tumorali 
 la Chemio-Terapia riduce la massa tumorale, sia pure al
gravissimo prezzo di arrecare danni estesi a tutti gli organi e ai tessuti del paziente, determinando:
insufficienza midollare (con la conseguenza di infezioni e di caduta di difesa immunitaria contro il
tumore stesso), insufficienza epatica e renale, possibile evoluzione in fibrosi polmonare con

insufficienza respiratoria, danni cardiaci e ai vasi ematici, leucemie e cancri secondari in
percentuale variabile.
In ogni caso, la ripresa neoplastica avviene quasi sempre, spesso caratterizzata da resistenza
crociata delle cellule tumorali ad altri farmaci chemio-terapici, in cicli di Chemio-Terapia
successiva di seconda o terza linea, fino ad essere definita alla fine, in termini del tutto
inappropriati, "Chemio-Terapia di salvataggio": in realtà una Chemio-Terapia finale e distruttiva,
eseguita con farmaci chemioterapici di vario tipo, che non riescono mai a salvare il paziente, né
tanto meno a condurlo a guarigione effettiva…."

pdf completo
http://www.scribd.com/doc/47361534/Maggio-2008-MillePiante-per-GuariredalCancrosenzaChemio-1-

Nessun commento:

Posta un commento