mercoledì 1 giugno 2011

LIBERTA' DI SCELTA TERAPEUTICA

Malattia e libertà di scelta terapeutica Oggi in Italia esiste la libertà di scelta terapeutica ?
Una persona è libera di intraprendere una strada terapeutica piuttosto che un'altra, e soprattutto un medico, in scienza e coscienza può - per  aiutare il suo assistito - decidere la cura migliore, anche se non riconosciuta e se va contro gli interessi delle lobbies del farmaco?
La risposta a tutte queste domande purtroppo è NO !

A cosa serve allora riempirsi la bocca di belle parole come: libertà, costituzione, diritti, se e quando una persona malata di tumore, per esempio, può solamente 'scegliere' tra chemioterapia, radioterapia e chirurgia ?
Un medico del terzo millennio, nonostante il giuramento di Ippocrate (che recita, "primo non nuocere":
la chemio è non è un veleno mortale ?) e nonostante  la Dichiarazione di Helsinki del 1964 (dell'Associazione medici mondiale),  NON può scegliere una strada terapeutica, ma DEVE stare ai protocolli ufficiali.
Quando dico che un medico NON può scegliere intendo dire che se non si adegua, non si piega ai dettami della medicina ortodossa (al paradigma vigente) rischia prima di tutto la professione (radiazione dall'albo professionale) e poi anche la galera ! Sono numerosi i medici nel mondo, che  hanno toccato con mano la pesante scure dell'inquisizione sanitaria moderna, che è passata dalla croce con gli abiti neri, al caduceo con il camice bianco !
Personaggi come Geerd Ryke Hamer (radiato e incarcerato), Tullio Simoncini (radiato), Liborio Bonifacio, Aldo Alessiani, Rudolf Breuss, Luigi Di Bella, Gianfranco Valsé Pantellini, Romano Zago, Giuseppe Zora (radiato), Giuseppe Nacci (ammonito) il ricercatore Giuseppe Puccio e moltissimi altri, hanno avuto il coraggio o l'incoscienza di mettere davanti agli interessi economici, la salute delle persone.
Cosa questa estremamente pericolosa per l'establishment medico-scientifico, che mette invece il dio-denaro dinnanzi ai pellegrini-malati.
L'ultimo in termini di tempo è il dottor Paolo Rossaro di Padova, indagato addirittura per "omicidio colposo", perché avrebbe utilizzato metodologie non convenzionali, oltre a quelle ufficiali, in cure oncologiche e nonostante il paziente purtroppo deceduto (uno su migliaia di casi) avesse firmato il consenso informato (quindi era pienamente consapevole)!
Sarebbe molto interessante se tale metro di giudizio, usato indiscriminatamente nei confronti del dottor Rossaro, venisse adoperato anche per tutte le centinaia di migliaia di morti ogni anno in Italia: tutti gli oncologi finirebbero in galera !
Oggi se una persona muore dopo (o a causa della) chemioterapia è tutto ok, ma se muore perché non ha voluto farla (in libertà di coscienza) non va bene e bisogna indagare il medico che ha attuato altre terapie....
L'attuale paradigma nel caso del cancro, anche se si può estendere a tutta la medicina allopatica, impone come cura: la chemioterapia, la  radioterapia e la chirurgia. Null'altro.
Si potrebbe pensare a questo punto che i risultati di queste terapie siano così straordinari, da imporli per legge ! Ma non è così: basta leggere i dati sulla mortalità per tumore - previa cura ufficiale ovviamente -  per comprendere che queste terapie sono un fallimento su tutta la linea: centinaia di migliaia di persone ogni anno in Italia muoiono nonostante i protocolli "scientifici" e nonostante le belle e incoraggianti parole dei luminari della scienza (gli stessi che poi fatturano nello loro cliniche private migliaia di euro per una visita e una pseudo-cura).
D'altronde è risaputo che la guerra al cancro iniziata da Nixon negli anni '70, e che ha prosciugato investimenti per centinaia di miliardi di dollari, è un fallimento globale su tutta la linea !
By A.M. da It.salute

Nessun commento:

Posta un commento